breaking news

Augusta| Tds sollecita l’assegnazione di personale per l’Obi e la riapertura delle sale operatorie

Augusta| Tds sollecita l’assegnazione di personale per l’Obi e la riapertura delle sale operatorie
Sanità
'
0

Carenza di personale al pronto soccorso e persistente sospensione dell’attività chirurgica ordinaria sono problemi che penalizzano l’’ospedale denunciati dall’Associazione a tutela della salute e del presidio ospedaliero Muscatello.

Il presidente della Tds, Domenico Fruciano ha inviato 2 note, una al sindaco, Cettina Di Pietro  e al presidente del Consiglio comunale, Sarah Marturana avente quale oggetto la chiusura da 4 mesi delle sale operatorie per attività chirurgica programmata e la seconda al commissario dell’Asp di Siracusa, Salvatore Brugaletta e per conoscenza all’assessore alla Salute, Ruggero Razza, al sindaco e al presidente del Consiglio comunale per sollecitare l’assunzione di medici e infermieri da destinare all’Osservazione breve intensiva.“Il protrarsi, da oltre 4 mesi, della sospensione degli interventi chirurgici di elezione nell’ospedale “Emanuele Muscatello” di Augusta, determinata dalla mancata sostituzione degli anestesisti che hanno cessato di prestare servizio – scrive Fruciano –  sta arrecando gravi disagi ai pazienti, costretti a procrastinare l’esecuzione degli interventi ovvero a migrare altrove per trovare risposte adeguate ai loro bisogni di salute. Tale anomala situazione penalizza gli abitanti di Augusta, arreca un danno alla funzionalità complessiva dell’Ospedale “Muscatello” e rischia di determinare ripercussioni negative sulle sue prospettive future.

Nella richiesta assegnazione al Pronto Soccorso a del personale medico e infermieristico necessari per l’Osservazione breve intensiva, la Tds rileva che l’assenza di medici e infermieri sta comportando notevoli disagi ai pazienti che, a causa della carenza di personale, non ricevono la dovuta assistenza. Chiede, pertanto, che vengano assegnati al pronto soccorso ulteriori 4 medici e 6 infermieri,  come previsto dal Decreto assessoriale 1380/2015. “Il Decreto assessoriale 890/02 e i Decreti assessoriali relativi alla programmazione sanitaria ospedaliera della Regione siciliana 1377/2010 e 1380/2015 – sottolinea Fruciano – prescrivono che nel pronto soccorso di ogni stabilimento ospedaliera devono essere attivati posti letto tecnici di Osservazione breve intensiva. Il personale necessario per il funzionamento dell’Obi. è già stato assegnato dall’Asp di Siracusa a tutti i Pronto soccorso dei presidi ospedalieri di Avola-Noto, Lentini e Siracusa, con la sola esclusione del pronto soccorso del Muscatello. Augusta è, nella provincia, il Comune con il maggior numero di abitanti dopo Siracusa. Il Pronto soccorso del presidio di Augusta è il naturale riferimento per le emergenze/urgenze sanitarie che si registrano nell’area industriale Augusta – Melilli – Priolo Gargallo e nel porto megarese ove è avvenuto, negli ultimi anni, il maggior numero di sbarchi di immigrati in Italia. L’Osservazione breve intensiva è necessaria per ottenere ricoveri appropriati e per sopperire alla carenza di posti letto dei reparti di area medica del nosocomio di Augusta, che hanno registrato, nel 2017, indici occupazionali superiori al 100% (Unità operativa complessa di Medicina 108,96%, Unità operativa semplice di Neurologia 104%). Nell’ospedale megarese sono già stati realizzati e sono potenzialmente operativi i locali necessari al funzionamento dell’Osservazione breve intensiva”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com