breaking news

Augusta | Traversata a nuoto in acque libere, l’ultima impresa sportiva di Leo Callone

Augusta | Traversata a nuoto in acque libere, l’ultima impresa sportiva di Leo Callone
Sport
'
0

Il Caimano del Lario, è questo il nick name di Leo Callone per via delle tante imprese sportive portate a termine sul lago di Como.

Leo Callone, di Lecco, che il 26 agosto compirà 77 anni, è un recordman italiano: 13 ore e 07’’ il suo personale record nuotando nelle acque fredde del Canale della Manica (Francia). Callone, che da quasi mezzo secolo lo ha trascorso in mare, domani mattina tenterà la sua ultima impresa sportiva sfidando le acque megaresi con raduno alle 10 al Lido ufficiale della Marina militare di Punta Izzo e arrivo alle 14,30 circa (condizioni meteorologiche permettendo) sulle coste dell’ex Valtur di Brucoli. L’evento natatorio, inserito nel cartellone “Augusta Estate 2022”, sarà celebrato in serata nel corso della manifestazione “La Notte delle Stelle”. Stamattina la conferenza stampa di presentazione al Municipio di Augusta alla presenza di Leo Callone e Liliana Caldarini (nuotatrice), dell’assessore alla Cultura Giuseppe Carrabino, dell’assessore allo sport Angelo Pasqua, del medico cardiologo Fabio Scandurra (medico ufficiale della traversata) e di Nuccio Solano fiduciario regionale Coni.

“Una volta gareggiavo per conquistare la medaglia, dopo la morte di mio figlio Nicola scomparso a seguito un incidente stradale, cerco di aiutare i più deboli con iniziative sociali”. E proprio 15 anni fa che Leo Callone ha contribuito, grazie al sostegno di volontari anche di Augusta, alla costruzione di una chiesa e di un ospedale in Guatemala. La traversata di domani sulla distanza di circa 12 km in mare aperto sarà percorsa in circa 4 ore. “Se tutto andrà bene, condizioni meteo permettendo in 4 ore dovrò essere sulle coste dell’ex Valtur di Brucoli. Ogni ora di nuoto, mi fermerò un minuto, o due, per recuperare le forze e integrare il fisico con liquidi proteici senza nessuno appoggio delle imbarcazioni che ci seguiranno”. Leo Callone, che da sempre ha scommesso agonisticamente sul proprio fisico atletico, nel 2011 smette di gareggiare perché colpito da due forme tumorali da cui poi guarisce.

Questi alcune delle sue più importanti imprese: recordman nel 2013 con 100mila km percorsi a nuoto nel corso della sua carriera tra allenamenti e gare; la Maratona internazionale da Lecco a Dervio sul lago di Como per sei edizioni consecutivi; la traversata Siracusa-Augusta; la traversata nelle acque di Loch Ness, e a 60 arriva anche la convocazione in azzurro. Leo Callone è stato insignito della Medaglia al valore atletico e Cavaliere della Repubblica. E per non farsi mancare nulla arriva anche un lungometraggio dal titolo “Cento milioni di bracciate” ricevendo il premio internazionale.  

GUARDA LA CONFERENZA STAMPA

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 1158

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *