breaking news

Augusta| Triberio: “la politica tuteli il diritto di protesta nella zona industriale”

Augusta| Triberio: “la politica tuteli il diritto di protesta nella zona industriale”
Politica
0

“I diritti dei lavoratori e dei cittadini di questa zona industriale non possono essere calpestati da interessi governativi”. A dichiararlo è il consigliere comunale Giancarlo Triberio di Articolo uno, capogruppo del centrosinistra, dopo avere appreso che a determinare l’ordinanza prefettizia che vieta ogni forma di assembramento e di protesta davanti gli ingressi nell’area industriale siracusana sarebbe stato un intervento della Lukoil  tramite il governo russo. “Tutte le forze politiche facciano sentire la loro voce”.

“Da articoli di stampa si viene a conoscenza che a determinare l’ordinanza prefettizia che vieta ogni forma di assembramento e di protesta davanti gli ingressi nell’area industriale siracusana sarebbe stato un intervento della Lukoil, tramite il governo russo”. A intervenire sulla vicenda è il conigliere comunale di Articolo uno  Giancarlo Triberio capogruppo del centrosinistra nell’aula consiliare di palazzo San Biagio. “La vicenda raccontata, oltre che grave, è davvero inquietante – dice Triberio – e colpisce direttamente la nostra comunità, da sempre città  di lavoratori”.

Per il consigliere comunale augustano: “occorre che tutte le forze politiche augustane facciano sentire la loro voce a difesa dei nostri concittadini lavoratori, che si vedono espropriati di un diritto costituzionale per mano di un governo asservito ad interessi che non sono quelli della nostra gente laboriosa, accogliente, pacifica. Come temevamo, calpestare i diritti umani dei naufraghi della Sea Watch era solo il primo passo per mettere sotto i piedi tutti i diritti dei più deboli che “infastidiscono” il potere.

Giancarlo Triberio confermo il pieno sostegno personale, del circolo Articolo uno, e del gruppo consiliare centrosinistra ai sindacati e ai lavoratori: “stiamo – conclude – accanto alla Camera del Lavoro di Augusta e a tutte le forze sindacali dei lavoratori. Riteniamo necessario che la città, attraverso il Consiglio comunale che la rappresenta, faccia sentire forte la sua voce con le istituzioni a difesa della propria gente e a tutela dei diritti dei lavoratori, senza i quali non c’è nè lavoro dignitoso nè vera occupazione, ma solo arbitrio e precarietà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com