breaking news

Augusta| Tripoli vice I°commissione? “O 5stelle alla canna del gas?”

17 Ottobre 2017 | by Redazione Webmarte
Augusta| Tripoli vice I°commissione? “O 5stelle alla canna del gas?”
Politica
0

Vice presidenza ancora libera agli Affari Generali. La maggioranza avrebbe indicato Alessandro Tripoli, dopo le dimissioni “politiche” di Peppe Di Mare.

Ma lui non ci sta e parla di “sospetto slancio di altruismo” dei 5Stelle in piena campagna elettorale. Poltrone di “potere” vuote all’interno delle commissioni consiliari. Dopo le dimissioni “politiche” di Peppe Di Mare del gruppo misto, dalla vice presidenza in Affari Generali, la partita resta apertissima. I 5stelle “pescano” cosi dall’opposizione un altro nome e la scelta ricade stavolta su Alessandro Tripoli.

Che ne sarebbe lusingato se non fosse per alcuni precedenti (scontri vivaci in aula) con la maggioranza. Il caso appare chiaro a Tripoli che nella sua nota parla addirittura di un sospetto “slancio di altruismo” proprio adesso nel bel mezzo della campagna elettorale e dell’arrivo delle “truppe cammellate”.

Insomma, chiari segnali di fratture insanabili tra opposte fazioni. Ad aprire i fuochi sarebbe stato il caso Di Mare che accusa la maggioranza, nella fattispecie la vice presidente del Consiglio, Silvana Danieli, di “menefreghismo” nei confronti della minoranza: la scelta di convocare le commissioni in orari poco comodi all’opposizione, o senza previa consultazione o addirittura senza prestare ascolto durante i lavori.

Se è vero ciò che denuncia Di Mare e se queste sarebbero le reali condizioni, a chi potrebbe piacere ricoprire l’incarico? E cosi la poltrona seguita a restare vuota ma per i 5stelle c’era aria di sabotaggio da parte dell’opposizione. Piatto ghiotto, certamente, la vicepresidenza della prima commissione. Eppure lo stesso Tripoli è il primo a nutrire forti dubbi sul perchè i 5stelle abbiano indicato proprio lui.

Vero è che le vice presidenze spettino ai consiglieri di opposizione. Si, ma perchè proprio Tripoli? Lui ha la sua versione.

Di seguito la sua nota: “Da mesi le commissioni consiliari augustane, sono orfane del vicepresidente. Di norma, come appunto stabilisce il regolamento, ricoprire questa carica spetterebbe ad un membro appartenente alla forze politiche di opposizione. In particolare, la prima commissione affari generali, di cui io stesso sono membro, ha proceduto ad eleggere ben due vicepresidenti d’opposizione che successivamente si sono dimessi, lasciando nuovamente la posizione vacante.

Quest’oggi apprendo che non avendo altre alternative e trovandosi con le spalle al muro, la maggioranza grillina, ieri in mia assenza, ha fatto ricadere la scelta su di me. In circostanze normali non nego che la scelta mi avrebbe lusingato, tuttavia, alcuni trascorsi, mi lasciano un po’ pensare sul come io, da incompreso e a dir poco emarginato, sempre preso di mira ferocemente dalla maggioranza grillina, adesso sia diventato improvvisamente utile per portare avanti i giochi della maggioranza nel nome della correttezza e della legalità”.

Certo è che non è facile dare un colpo di spugna su gravi manifestazioni di insofferenza nei miei confronti, sfociati persino nel famoso video di Anonymus, condiviso da tutti i grillini, e poi trovarsi a ricoprire un incarico elettivo voluto proprio dagli stessi componenti della maggioranza. Dopo tali considerazioni, sarei ben lieto di capire, magari da qualche autorevole esponente grillino, cosa realmente li abbia spinti a questo slancio di commovente altruismo, considerato anche che, a giorni, ad Augusta verranno i loro capi politici a promuovere la solita propaganda Anti Politica cittadina”.

Se la maggioranza non ha più le carte in regola per portare avanti il compito che i cittadini gli hanno affidato e si trova alla ‘canna del gas’, e se davvero ha intenzione di coinvolgere le forze di opposizione, piuttosto che imporre i soli numeri per governare, chieda pubblicamente scusa per aver infangato l’immagine di chi onestamente in questa città ha fatto sempre politica al servizio della stessa e dei suoi cittadini e convochi immediatamente tutte le forze politiche per riaprire un dialogo che sblocchi questa incresciosa situazione di stallo creatasi all’interno delle commissioni e del consiglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com