breaking news

Augusta | Troppo silenzio e poca informazione sulle attività del consiglio e sull’imposta di soggiorno

Augusta | Troppo silenzio e poca informazione sulle attività del consiglio e sull’imposta di soggiorno
Politica
'
0

L’istituzione dell’imposta di soggiorno tutto l’anno continua a far discutere e non piace ai 5 Stelle. La polemica si sposta ora sul piano politico con il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle il quale stigmatizza il fatto che, non solo ogni turista, ma anche ogni lavoratore che soggiornerà in territorio augustano, subirà l’imposta di soggiorno.

Il comunicato stampa: «Notiamo con grande dispiacere che alcuni organi di stampa non sono stati correttamente informati sull’imposta di soggiorno recentemente varata dal consiglio comunale grazie a una variopinta e inaspettata maggioranza trasversale. E infatti, non solo ogni turista, come scritto dalla stampa, ma anche ogni lavoratore che soggiornerà in territorio augustano, subirà l’imposta di soggiorno. 

Durante i lavori d’aula abbiamo sollevato questo ulteriore profilo problematico: ebbene, i consiglieri Tribulato e Amara, sprovvisti di microfono, ci hanno gridato di leggere il regolamento, come a voler suggerire che ivi fosse stata prevista un’apposita esenzione per la categoria dei lavoratori. Pochi minuti dopo, il consigliere Mangano ha invece liquidato la questione dichiarando che “tanto sono le ditte che pagheranno l’imposta per i loro lavoratori”. Ad ogni modo, nessuna esenzione per i lavoratori era prevista nel regolamento arrivato in consiglio, e nessuna esenzione per i lavoratori è stata introdotta in sede di approvazione in consiglio, ad eccezione delle forze dell’ordine che soggiornano in città per motivi di servizio.

Di contro, segnaliamo invece che mentre la proposta arrivata in consiglio non prevedeva l’imposta di soggiorno per la c.d. “bassa stagione”, alla fine la maggioranza “variopinta” in consiglio ha emendato il testo e ha deciso che l’imposta è dovuta per tutto l’anno. Riteniamo infine che sarebbe stato doveroso istituire ufficialmente e preliminarmente un tavolo di confronto con gli operatori del settore e le associazioni di categoria portatrici di interessi coinvolti dall’introduzione dell’imposta: il dialogo è fondamentale, tanto più in tempi di crisi straordinaria come quella che ci ha travolti da oltre un anno».

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com