breaking news

Augusta| Un cadavere carbonizzato trovato nei pressi della stazione di Agnone Bagni

20 Febbraio 2017 | by Silvio Breci
Augusta| Un cadavere carbonizzato trovato nei pressi della stazione di Agnone Bagni
Cronaca
'
0

300x250 Cacciaguerra OnoranzeUn cadavere carbonizzato è stato rinvenuto questa mattina in una campagna nei pressi della stazione ferroviaria di Agnone Bagni, al confine tra i territori di Augusta e Lentini. Sul misterioso ritrovamento stanno indagando i carabinieri del comando provinciale di Siracusa. Ancora poche le notizie, come pochi sarebbero ovviamente gli elementi che consentirebbero di risalire all’identità della vittima.

 

AGGIORNAMENTO delle ore 15.30

[embed_video id=119929]

AGGIORNAMENTO delle ore 19.30

Potrebbe essere quello di un 39enne di Lentini, Eugenio Cappello, il cadavere completamente carbonizzato rinvenuto ieri mattina, intorno alle 10, nelle campagne di contrada Trigona. I pochi e irriconoscibili resti dell’uomo erano all’interno di un Fiat Doblò, anch’esso completamente distrutto dalle fiamme, rinvenuto lungo una stradina interpoderale che si dirama dalla strada provinciale 47, tra Lentini e Agnone Bagni. Secondo i primi accertamenti l’uomo – un operaio senza alcun precedente con la giustizia – risultava scomparso da casa da un paio di giorni. Anche se al momento non sembrerebbe del tutto esclusa l’ipotesi del suicidio, gli investigatori starebbero battendo la pista dell’omicidio anche se probabilmente non riconducibile agli ambienti mafiosi. A segnalare la presenza dell’auto bruciata con all’interno i resti di una persona sarebbe stato un automobilista di passaggio, probabilmente diretto verso il proprio fondo agricolo. Sul posto sono subito giunti ieri mattina i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Augusta e del nucleo investigativo del comando provinciale di Siracusa, oltre al medico legale Antonio Sciabica di Catania. A coordinare le indagini il sostituto procuratore Antonio Nicastro. Sul posto nel pomeriggio sono giunti anche i militari del Ris di Messina, il reparto investigazioni scientifiche dell’Arma, che hanno effettuato i rilievi per determinare le possibili cause del decesso. Per avere la certezza dell’identità della vittima bisognerà ovviamente aspettare i risultati dell’esame del Dna.

[embed_video id=119975]

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com