breaking news

Augusta| Via Caracciolo la sera al buio, la mattina illuminata. Lamentele da parte dei residenti.

16 Gennaio 2017 | by Sebastiano Salemi
Augusta| Via Caracciolo la sera al buio, la mattina illuminata. Lamentele da parte dei residenti.
Cronaca
'
0

I coordinatori cittadini di Fratelli d’Italia di Augusta, Marco Failla e Enzo Inzolia  a seguito di alcune lamentele reiterate da parte dei residenti della via Caracciolo (e del quartiere “Paradiso” tutto) intervengono portando all’attenzione dell’Amministrazione il problema dell’illuminazione pubblica e, soprattutto, della sicurezza nelle strade e quartieri non illuminati.

output_l2vs8d

“A seguito di alcune lamentele dei residenti della via Caracciolo e del quartiere “Paradiso”, abbiamo verificato in prima persona – dicono Inzolia e Failla –  quanto oggetto di lamentela. Tre mattine fa la via Caracciolo era totalmente illuminata, fino alle prime ore del pomeriggio, addirittura. Quindi, abbiamo aspettato qualche giorno, per verificare se il disservizio (al contrario) si verificasse anche la sera. Ed infatti, già nelle ultime due sere, la via Caracciolo, e le traverse del quartiere, versavano in una condizione di totale oscurità a causa delle luminarie pubbliche spente. Questo, quindi, accade non di rado, ma risulta purtroppo essere la normalità. Sempre più spesso, quando si ritorna a casa la sera, questa importante via (e anche quelle più piccole del quartiere) sono costantemente al buio, generando, questa circostanza, problemi di sicurezza pubblica.

Al tempo stesso, lamentele sono relative al problema dei cani randagi che, frequentemente, girano in branco per le vie del quartiere che, in difetto di illuminazione, rendono la situazione ancor più pericolosa. Con questa nota, allora – concludono i coordinatori cittadini di Fratelli d’Italia – chiediamo insistentemente al sindaco Di Pietro e all’assessore di competenza di provvedere immediatamente al ripristino della illuminazione pubblica (non soltanto della via Caracciolo, ma di tutte le zone della città che versano nella medesima condizione) nella convinzione che 19 mesi di lavoro siano più che sufficienti a permettere la risoluzione di questi difetti di modesta entità, e che strade e quartieri illuminati contribuiscano a sviluppare un senso di sicurezza nei residenti.

I cittadini non chiedono un servizio straordinario; chiedono semplicemente il dovuto, quanto di loro spettanza in seguito al pagamento delle imposte. Un servizio, quello della illuminazione pubblica, che contribuisce a rendere “civile” e vivibile una città”.

 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com