breaking news

Augusta | Zero euro nel Pnrr per il porto. L’Adsp bacchettata dai movimenti politici

Augusta | Zero euro nel Pnrr per il porto. L’Adsp bacchettata dai movimenti politici
Politica
0

Amareggiati per l’assenz,a nella nuova bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza, di opere per il porto di Augusta, i movimenti civici: Attivamente; Augusta 2020, CambiAugusta, Destinazione futuro, 100 per Augusta e Noi per Augusta ritengono responsabile l’Adsp di Sicilia orientale per assenza di programmazione. Auspicano che il governo centrale proceda al più presto alla nomina del nuovo presidente dell’Autorità di sistema portuale, con la conseguente riorganizzazione della segreteria tecnica.

“Apprendiamo con grande stupore e perplessità nonostante i diversi appelli ed incontri promossi dall’Amministrazione cittadina che anche in questa nuova bozza, nessuna opera è inserita all’interno del Piano nazionale ripresa e resilienza per il nostro porto, testo che ha invece previsto ingenti risorse per tutte le più importanti realtà”. E’ quanto dichiarano i movimenti civici Attivamente, Augusta 2020, CambiAugusta, Destinazione futuro, 100 per Augusta, Noi per Augusta rappresentati in Consiglio comunale e parte della maggioranza che sostiene il sindaco Giuseppe Di Mare. La seduta della IX commissione Trasporti della Camera dei deputati con all’ordine del giorno la nuova proposta del “Piano nazionale di ripresa e resilienza” si è svolta il 23 marzo. Si tratta, come sottolineano i movimenti civici, del più grande piano strategico della storia che prevede investimenti per oltre 200 miliardi che ricadranno sull’intero territorio nazionale. Per Attivamente, Augusta 2020, CambiAugusta, Destinazione Futuro, 100 per Augusta e Noi per Augusta: “appare evidente come l’assoluta assenza di programmazione, la mancanza di una seria e condivisa visione del futuro della governance uscente dell’Autorità di sistema portuale del mare di Sicilia orientale Augusta-Catania, che oggi trova una inusuale continuità attraverso il ruolo del segretario generale, sta già producendo effetti devastanti per la nostra comunità.

A questa visione solitaria del territorio che ha caratterizzato azioni e scelte dell’Adsp nel recente passato – sottolineano questo Consiglio comunale non ha voluto dare seguito e non è casuale che si è riusciti a portare a conoscenza dell’opinione pubblica il tema della costruzione dell’impianto Gnl solo grazie all’iniziativa del presidente del Consiglio comunale, Marco Stella. Infatti, nella seduta del civico consesso del 15 febbraio, ha convocato tutti gli stakeholder che, per la prima volta, si sono ritrovati tutti allo stesso tavolo. Progetto, questo sul gas naturale liquefatto, che presidente e segretario dell’Adsp avevano misteriosamente tenuto nascosto dentro i cassetti per quasi due anni, salvo poi (in modo quanto meno singolare) convocare il comune di Augusta alla conferenza dei servizi il 20 ottobre 2020 data che coincide con il primo giorno della sindacatura Di Mare che, per l’appunto, fu eletto dopo il ballottaggio del 18-19 ottobre”. Per i sei movimenti civici di Augusta non possono essere di certo due azioni di “green ports” legate alla realizzazione di pensiline con impianti fotovoltaici e digitalizzazione della logistica: “a farci esultare, poiché è sotto gli occhi di tutti che il fatturato di questi ultimi anni in termini di pianificazione e progettazione è quasi nullo e lo testimonia l’attuale fotografia del nostro porto”.

Si dicono convinti del fatto che i prossimi mesi saranno fondamentali: “la programmazione di investimenti e infrastrutture che riguardano la nostra città –aggiungono – non possono essere lasciate nelle stesse mani di chi, sino ad oggi, ha dimostrato con i fatti di essere inadeguato al ruolo. Auspichiamo che al più presto venga nominato il nuovo presidente dell’Adsp con la conseguente riorganizzazione della segreteria tecnica. Solo così si potranno affrontare nel modo migliore i prossimi mesi che saranno decisivi per lo sviluppo e il futuro del porto di Augusta e dare un nuovo impulso per un cambio di passo che – concludono – è divenuto ormai necessario e improcrastinabile”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com