breaking news

Avola| Parco Robinson al setaccio: denunce, sanzioni e controlli dei carabinieri della compagnia di Noto

Avola| Parco Robinson al setaccio: denunce, sanzioni e controlli dei carabinieri della compagnia di Noto
Cronaca
0

Nell’ambito dell’imponente azione preventiva messa in atto dai Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa secondo le linee guida impartite dal Comandante Provinciale Colonnello Luigi Grasso, nelle ultime 24 ore i Carabinieri della Compagnia di Noto hanno incrementato le pattuglie impiegate sul territorio, concentrando l’attenzione sul comune di Avola ove si continua a registrare una massiccia presenza turistica: oltre ad un incisivo controllo di pregiudicati, sorvegliati speciali e soggetti sottoposti a misure limitative della libertà personale, posti di controllo alla circolazione stradale lungo le principali arterie cittadine nonché una serie di perquisizioni finalizzate alla ricerca di armi, refurtiva e sostanze stupefacenti, particolare attenzione è stata riservata ai luoghi di aggregazione di massa quali il parco Robinson e la “24 metri”.

In tali zone, infatti, i cittadini hanno segnalato una recrudescenza di comportamenti contrari alla civile convivenza, richiamando l’attenzione di amministratori e forze dell’ordine che, come concordato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto Giuseppe Castaldo, hanno intensificato la presenza ed i controlli in zona.

Nello specifico, i Carabinieri hanno effettuato un articolato servizio preventivo e di contrasto alle forme di illegalità impiegando personale in borghese ed in uniforme, avvalendosi della qualificata collaborazione dei Carabinieri del Nucleo Cinofili di Nicolosi e del 12° Nucleo Elicotteri di Catania che, grazie alle dotazioni di bordo all’avanguardia, hanno assicurato una preziosa cornice di sicurezza ai militari impiegati in strada, monitorando dall’alto eventuali situazioni sospette, segnalandole prontamente a chi operava.

Il bilancio dei controlli si può riassumere in:

  • 3 denunce in stato di libertà per il reato di ricettazione.

In particolare, L. G. S. classe 1987 è stata notato dai militari operanti mentre trasportava sulla propria bicicletta un grosso sacco di iuta. I Carabinieri hanno pertanto proceduto a controllo di polizia ed a successiva perquisizione rinvenendo nel sacco circa 25 kg di fili di rame oltre a vari attrezzi da lavoro verosimilmente utilizzati per tagliare i fili in questione.

  1. I. classe 1966 ed I. E. classe 1972 sono stati controllati dai Carabinieri mentre, con la loro piccola utilitaria, procedevano a passo d’uomo nella prima periferia del paese: sottoposti a perquisizione veicolare gli stessi sono stati trovati in possesso di 4 sacchi contenenti oltre 150 kg di mandorle in merito alle quali non sono stati in grado di fornire indicazioni circa la provenienza, contraddicendosi più volte tra di loro.
  • 1 denuncia in stato di libertà per il reato di furto aggravato.
  1. R. classe 1995, a seguito di segnalazione giunta al numero di emergenza 112, veniva sorpreso dai militari operanti dopo essersi introdotto in un terreno di proprietà privata ed aver asportato circa 25 kg di carrube.
  • 1 denuncia in stato di libertà per il reato di detenzione di armi od oggetti atti ad offendere.
  1. P. classe 1996, controllato alla guida della propria autovettura insieme ad una coppia di amici, sottoposto a perquisizione personale e veicolare, veniva trovato in possesso di 2 coltelli a serramanico occultati nel vano portaoggetti.
  • 16 contravvenzioni per infrazioni varie al Codice della strada di cui 3 ad altrettanti soggetti trovati alla guida della propria autovettura con patente mai conseguita e/o revocata per i quali, alla luce della recente modifica normativa di settore, è scattata una sanzione amministrativa pari a cinquemila euro ed il fermo amministrativo del mezzo; 4 persone sono state sanzionate poiché sorprese alla guida del proprio veicolo sprovvisto di copertura assicurativa obbligatoria: per loro è scattata la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 841 a euro 3.287 con relativo sequestro amministrativo del mezzo; 6 persone sono state colte alla guida dei propri motocicli/ciclomotori senza indossare il casco: per ciascuno di loro scatta una sanzione pecuniaria da 80 a 323 euro, il fermo amministrativo del mezzo per 60 giorni nonché la decurtazione di 5 punti dalla patente; 2 persone sono state colte alla guida del proprio autoveicolo mentre erano intente a parlare al telefono; 1 persona è stata contravvenzionata poiché circolava alla guida di un veicolo con revisione scaduta da 3 anni.
  • controlli con apparato etilometrico con denuncia di un automobilista

Negativi tutti i controlli eseguiti con apparato etilometrico in dotazione all’aliquota radiomobile del N.O.R.M. al fine di prevenire il fenomeno della guida sotto l’influenza dell’alcool: dei 36 utenti della strada sottoposti a pre-test nel corso del servizio, nessuno ha fatto registrare un tasso alcolemico superiore ai limiti di legge. Un solo automobilista, P. S. classe 1992, controllato alla guida della propria autovettura, ha rifiutato di sottoporsi agli accertamenti del caso: lo stesso, pertanto, è stato segnalato all’autorità giudiziaria ai sensi dell’art. 186 c. 7 del Codice della Strada, norma che prevede le medesime sanzioni che vengono applicate in caso di guida sotto l’influenza dell’alcol con tasso superiore a 1,5g/l.

  • 4 persone segnalate alla Prefettura quali assuntori di sostanze stupefacenti in quanto trovate tutte in possesso di modiche quantità di hashish e marijuana destinate all’uso personale;
  • 187 persone controllate ed identificate;
  • 109 mezzi fermati e sottoposti a controllo;
  • 22 posti di controllo effettuati lungo le arterie stradali e nei pressi dei luoghi di maggiore aggregazione di massa;
  • controllate 16 persone sottoposte ad obblighi di vario genere in tutto il territorio di competenza.

L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Noto rimane alta e costante sull’intera giurisdizione di competenza al fine di fornire una risposta concreta ed incisiva alle legittime pretese di ordine e sicurezza pubblica avanzate dai cittadini. Pertanto continueranno con assiduità i servizi di prevenzione e contrasto svolti dall’Arma dei Carabinieri, affiancando alla capillare perlustrazione del territorio una continua e attività info-investigativa, contattando la cittadinanza al fine di acquisire quante più notizie utili per prevenire il ripetersi dei reati ed assicurare alla giustizia gli autori di quelli già perpetrati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com