breaking news

BENEFICI ALLE VITTIME DEI FATTI DI AVOLA

BENEFICI ALLE VITTIME DEI FATTI DI AVOLA
Attualità
0

Approvato dalla Commissione Affari Istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana il disegno di legge presentato  dal Vice Presidente Vincenzo Vinciullo, che estende i benefici della legge 20 del 13 settembre 1999 a Carmela e Paola Scibilia.

Come si ricorderà, il 2 dicembre 1968 ad Avolau na manifestazione di braccianti agricoli che protestavano contro le gabbie salariali e le ingiuste condizioni di vita e di lavoro cui erano sottoposti dai latifondisti e dai proprietari agrari, sfociò in sanguinosi scontri con le Forze dell’Ordine che provocarono diversi feriti, da ambo le parti, e la morte dei braccianti Angelo Sigona, di anni 25, di Cassibile e Giuseppe Scibilia, di anni 47, di Avola.Dopo quell’avvenimento ‘i fatti di Avola’ del 1968 sono rimasti impressi nella storia sindacale italiana e sono diventati una pietra miliare nella lotta dei braccianti contro i latifondisti e gli agrari.

La famiglia di Giuseppe Scibilia non ha mai ricevuto un sostegno da parte delle Istituzioni, costringendo la stessa ad affrontare da sola tutti i disagi economici ed affettivi sopraggiunti dopo la tragica scomparsa del loro capofamiglia.

“Dopo 42 anni da quei tragici eventi – osserva soddisfatto l’On. Vinciullo- è arrivato il momento di porre rimedio alla grave manchevolezza tenuta dai precedenti Governi sia regionali che nazionali. La legge è un atto di riparazione a quel torto e consentirà alle orfane di trovare un’occupazione stabile e duratura in modo da poter trascorrere una vecchiaia serena che li ricompensi dai torti e dalle ingiustizie patite”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com