breaking news

Carlentini| Inferno sulla “Ragusana”, auto a fuoco dopo lo scontro con un tir, un morto

25 Novembre 2016 | by Silvio Breci
Carlentini| Inferno sulla “Ragusana”, auto a fuoco dopo lo scontro con un tir, un morto
Cronaca
0

Il gravissimo incidente si è verificato questa mattina intorno alle 11. Ancora sconosciuta l’identità della vittima.

whatsapp-image-2016-11-25-at-14-55-44È almeno di un morto il bilancio dell’ennesimo tragico incidente stradale verificatosi questa mattina, intorno alle 11, lungo la statale 194 Catania-Ragusa, alle porte di Lentini ma in territorio di Carlentini. Secondo una prima sommaria ricostruzione dell’accaduto, un tir che viaggiava in direzione Ragusa si sarebbe scontrato frontalmente con un’autovettura che procedeva in direzione opposta. Violentissimo l’impatto tra i due mezzi, a seguito del quale l’auto, incastrandosi sotto il tir, ha preso improvvisamente fuoco. Sul posto per tentare di domare il rogo sono intervenuti i vigili del fuoco del locale distaccamento, insieme ai carabinieri di Carlentini e Francofonte e ai vigili urbani di Carlentini per le indagini. La vittima sarebbe una, ma se ne sconosce al momento l’identità. Tuttavia non si esclude l’ipotesi che all’interno dell’auto potessero esserci più persone. Subito dopo il violentissimo impatto, il conducente del tir è riuscito a mettersi in salvo prima che le fiamme si propagassero anche al suo mezzo. Se l’è cavata con qualche escoriazione. Ancora tutta da accertare la dinamica del gravissimo incidente verificatosi all’altezza del rifornimento Q8, in contrada Cannellazza. Sulla vicenda intervengono il segretario della Cisl di Siracusa e Ragusa, Paolo Sanzaro, e il segretario generale della Filca, Paolo Gallo. «L’ennesimo tragico incidente – affermano – rinnova l’incredibile paradosso: sulla Catania-Ragusa la gente continua a morire e i cantieri continuano a restare chiusi. Purtroppo siamo qui a piangere una nuova vittima di quella strada e questo nell’incredibile indecisione sui lavori di ammodernamento di quell’arteria così transitata. Se scorriamo a ritroso gli annunci la collezione è assai corposa. L’ultima notizia parla di un’apertura dei cantieri per la metà del 2017. Una vicenda che ha del paradossale e che, come abbiamo più volte sottolineato, riveste un’importanza notevole per questa parte di Sicilia. Lo è per una mobilità sicura, come purtroppo confermato questa mattina. Lo è per il rilancio di un’intera area nell’ambito degli spostamenti commerciali e turistici. Lo è, naturalmente, per una grossa boccata d’ossigeno per il settore edile. È un’opera strategica, checché ne possa aver pensato qualche politico. La Ragusa-Catania – concludono Sanzaro e Gallo della Cisl – deve essere realizzata per dimostrare che questa parte della regione vuole essere competitiva. Spiace ribadire questi concetti in una giornata luttuosa. Ma queste vittime devono indurci ad accelerare l’iter e avviare i lavori per ammodernare questa strada».

© Riproduzione riservata

musicafestival_650x50_def

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com