breaking news

CASA RIFUGIO, DURO ATTACCO ALLA PROVINCIA

CASA RIFUGIO, DURO ATTACCO ALLA PROVINCIA
Attualità
0

Un silenzio assordante sulla Casa rifugio di Siracusa, chiusa da anni per via della mancanza, questa la motivazione addotta dalla Provincia regionale, dei fondi necessari per portare avanti il progetto. La struttura, collocata in un luogo segreto del capoluogo, è stata utilizzata per tre anni, nell’ambito di uno specifico progetto, per accogliere le donne vittime di violenza. Poi, l’improvvisa chiusura. Diverse le sollecitazioni partite da esponenti politici piuttosto che da associazioni affinchè la casa rifugio venisse riaperta.Al di là delle manifestazioni di buoni intenti, nulla è cambiato. Oggi torna alla carica il comitato 100 donna, pronto ad avviare una campagna di sensibilizzazione con il coinvolgimento della cittadinanza. Una cartolina da firmare e inviare al presidente della Provincia, Nicola Bono. Ma il rammarico del comitato, che ha già ottenuto il sostegno di numerose esponenti del mondo della cultura, dell’informazione, dell’associazionismo, è rivolto anche nei confronti dell’assessore provinciale alle Pari Opportunità, Paola Consiglio, che ad oggi-questa la protesta del comitato- non avrebbe rispettato l’impegno assunto per la causa. Anche il finanziamento stanziato dal Comune di Siracusa come compartecipazione al progetto, 10 mila euro, votato all’unanimità dal consiglio, rischia di andare perduto perché non utilizzato. Il consiglio provinciale, del resto, non ha deliberato alcuna cifra per la struttura, che è di proprietà della Provincia. A partire dal prossimo fine settimana, la campagna Fai un passo contro la violenza sarà avviata. L’auspicio del comitato è che si ottenga un risultato entro la fine di maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com