breaking news

Catania | Ristoratori a sostegno dell’IPAB “Duca di Carcaci”

24 Maggio 2022 | by Federico Tringali
Catania | Ristoratori a sostegno dell’IPAB “Duca di Carcaci”
Attualità
'
0

Iniziative speciali, piatti, cocktail e dolci per contribuire alla raccolta fondi che consentirà ai giovani dei quartieri più svantaggiati di avere a disposizione corsi e attività di laboratorio gratuite in spazi didattici, cucine, sala e ristorante, bar e caffetteria completamente rinnovati.

Sorgerà tra piazza Risorgimento e corso Indipendenza il nuovo polo educativo, sociale e culturale dedicato ai giovani catanesi. La struttura “Duca di Carcaci”, in cui si svolgono attualmente i corsi di formazione professionale di Archè, in partnership con Piazza dei Mestieri, ospiterà nuovi spazi didattici che consentiranno ai giovani di acquisire competenze concrete e dimestichezza con la realtà del lavoro. 

“Il nostro modello educativo – afferma Emilio Romano, presidente di Archè e Responsabile Sicilia della Piazza dei Mestieri – può essere sintetizzato nello slogan “perché nessuno si perda”. Ogni anno accogliamo nelle nostre classi oltre 900 giovani che, dopo la scuola media, vogliono diventare cuoco, panettiere, pasticciere, barman, meccanico, termo-idraulico, informatico, estetista o parrucchiere. Forti delle esperienze di Torino e Milano, stiamo costruendo anche a Catania un luogo che sia un trampolino di lancio per l’inserimento nel mondo del lavoro, anche attraverso il recupero del valore del lavoro manuale e della riscoperta dei mestieri”.

Vogliamo costruire qualcosa di bello per la nostra amata città – continua Romano – e per noi è molto importante sapere che gli imprenditori sono al nostro fianco, vicini ai nostri ragazzi. In pochi giorni abbiamo avuto la disponibilità di 20 ristoranti e tanti altri sono rimasti fuori solo perché non c’erano i tempi tecnici per la loro adesione e quindi saranno coinvolti in fasi successive. È una sfida che hanno accettato subito con entusiasmo e che affrontiamo insieme perché la vita, nostra e dei nostri ragazzi, possa essere più ricca e più bella”.

Il progetto avrà le sue ricadute più evidenti nei quartieri di Monte Po, Nesima, San Leone, Rapisardi, Centro Storico, Librino e San Giorgio, zone con tassi record di disoccupazione giovanile e povertà economica e educativa, e contribuirà al contrasto dell’abbandono scolastico, offrendo l’opportunità concreta ai giovani catanesi di costruire il proprio futuro al di fuori di un percorso di disagio sociale e devianza. La riqualificazione degli spazi interni ed esterni prevede, inoltre, che questi diventino fruibili dalla popolazione per momenti di incontro e convivialità. 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *