breaking news

CONFINDUSTRIA SUL PRINCIPIO D’INCENDIO AL PARCO STOCCAGGI SG10 ALL’ISAB NORD

21 Dicembre 2011 | by Redazione Webmarte
CONFINDUSTRIA SUL PRINCIPIO D’INCENDIO AL PARCO STOCCAGGI SG10 ALL’ISAB NORD
Attualità
0

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: In merito al principio d’incendio che si è sviluppato ieri presso il parco stoccaggi SG10 della ISAB Nord e a seguito delle relative prese di posizione, Confindustria Siracusa, pur condividendo il sentimento di diffusa preoccupazione della popolazione, dovuto alla spettacolarità del fenomeno visibile ben oltre il luogo dell’accadimento, rileva come il fatto non sia da attribuire a mancati interventi di manutenzione ma ad un mero incidente stradale.

“La sicurezza dell’area industriale siracusana è sempre in linea con la tipologia delle lavorazioni che si svolgono e lo dimostra la rapidità e la concretezza degli interventi, non solo degli organi interni alla raffineria, ma anche degli organismi esterni a ciò preposti. Tale rapidità, efficienza e concretezza è stata, tra l’altro, confermata nell’ambito della riunione plenaria in Prefettura cui hanno partecipato tutti i soggetti Istituzionali, tecnici ed industriali direttamente coinvolti.

L’evento è stato inoltre tempestivamente e approfonditamente discusso fra tutte le amministrazioni ed istituzioni coinvolte poche ore dopo l’accaduto, confermando un processo virtuoso avviato nella provincia e teso, attraverso un’analisi oggettiva di tali situazione, all’adozione immediata di eventuali provvedimenti organizzativi o strutturali migliorativi.

Generare dubbi generalisti sull’adozione di corrette tecniche ed attività all’interno delle fabbriche in mancanza di specifiche conoscenze della materia e dei fatti contingenti non aiuta ad una serena convivenza tra popolazione ed attività produttive, che operano sempre nel più rigido rispetto delle norme di sicurezza e di salvaguardia dell’ambiente. Un uso politico di un evento del genere ed il cortocircuito “strumentale” creato tra questo incidente (più di tipo stradale che industriale), la manutenzione e la sicurezza nei siti industriali, e guarda caso la sospensione dell’iter di autorizzazione del rigassificatore è quanto meno arbitrario se non addirittura irresponsabile.

 

Relativamente, poi, alle direttive europee sulla valutazione di impatto ambientale del rigassificatore di Ionio Gas, è di qualche giorno fa la risposta del Commissario europeo dell’ambiente all’interrogazione dell’eurodeputato Borsellino che esclude l’incompletezza dell’intera documentazione già approvata dal competente Ministero dell’Ambiente italiano e che dunque non sussistono motivi da parte del Parlamento europeo di ulteriori rilievi da opporre alla costruzione del rigassificatore”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com