breaking news

CONSIGLIO COMUNALE APERTO SUI TRASPORTI. “FERROVIE TORNI AD INVESTIRE”

30 Gennaio 2012 | by Redazione Webmarte
CONSIGLIO COMUNALE APERTO SUI TRASPORTI. “FERROVIE TORNI AD INVESTIRE”
Politica
0

 Un appello corale rivolto ai governi nazionale e regionale e a Trenitalia affinché cessino i tagli dei treni e si scongiuri la progressiva marginalizzazione della provincia di Siracusa. Il messaggio è partito stamattina nel corso del consiglio comunale aperto tenuto nell’androne della stazione ferroviaria, convocato dalla conferenza dei capigruppo su richiesta del consigliere Sergio Bonafede. Erano presenti i deputati regionali Roberto De Benedictis e Bruno Marziano e i rappresentati sindacali di Cgil, Cisl, Uil eUgl. Il verbale e una registrazione della seduta, sempre su proposta di Bonafede, saranno inviati al ministro delle Infrastrutture, Corrado Passera, all’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, e all’assessore regionale ai Trasporti, Pier Carmelo Russo.
I lavori, moderati dal vice presidente del consiglio comunale Franco Formica, sono stati aperti da Bonafede. Il consigliere comunale ha indicato come fondamentali la ripresa degli investimenti, a cominciare del collegamento tra la stazione di Bicocca e Fontanarossa che consentirebbe ai siracusani di raggiungere in treno l’aeroporto di Catania. Dopo essersi rammaricato per le tante assenze istituzionali, soprattutto dei sindaci degli altri comuni, ha incitato tutti a fare fronte unico nell’ingaggiare “una battaglia civile nell’interesse dei nostri figli, di chi è più sfortunato, degli studenti e dei lavoratori”.
Il primo a intervenire è stato il sindaco, Roberto Visentin, che ha denunciato la sordità di Ferrovie dello Stato rispetto alle tante richiesta di incontro partite dagli enti locali. Per Visentin, che ha chiesto la firma in tempi brevi del contratto di servizio tra Regione e azienda, i recenti blocchi stradali hanno dimostrato l’importanza dei collegamenti su rotaie ed è “inaccettabile” che gli investimenti nel settore riguardino solo il centro-nord. L’abbandono di una regione come la Sicilia, ha aggiunto, è un fatto grave e rende vani gli sforzi che gli enti locali, pur in un momento di crisi finanziaria, mettono in campo per il turismo.
Franca Mandanici è intervenuta, in rappresentanza della Consulta comunale femminile. Anche Bruno Marziano ha evidenziato la necessità del collegamento Bicocca-Fontanarossa, che darebbe un impulso all’intero settore visti i sei milioni di viaggiatori che ogni anno passano per l’aeroporto catanese. Per il deputato regionale, è giusto fare pressioni su Palermo per la firma del contratto di servizio ma, allo stesso tempo, enti locali, Regione e parlamentari devono pretendere dallo Stato una soluzione di tipo nazionale visto che, tra ammodernamento e velocizzazione delle rete, ci sono 120 milioni di euro “che Ferrovie deve spendere e non lo fa”.
Marco Mastriani, a nome del gruppo consiliare del Pid, ha proposto un documento che chiede la conferma di Siracusa come stazione di testa, il ripristino delle tratte a lunga percorrenza, il collegamento Bicocca-Fontanarossa e l’apertura definitiva dello scalo merci di Pantanelli con relativa platea di lavaggio. Infine, per Fabio Rodante: “Investire in Sicilia per potenziare le ferrovie, significa abbattere i costi dei trasporti e significa venire incontro alle istanze che la gente ha sollevato con le proteste di questi giorni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com