breaking news

CONSIGLIO COMUNALE: RINVIATA LA DECISIONE SULLA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI. MOLLICA SOSTITUISCE SULLO

23 Dicembre 2011 | by Redazione Webmarte
CONSIGLIO COMUNALE: RINVIATA LA DECISIONE SULLA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI. MOLLICA SOSTITUISCE SULLO
Politica
0

Slitta al 31 gennaio l’approvazione del regolamento per la riscossione diretta dei tributi. Così ha deciso ieri sera il consiglio comunale, approvando all’unanimità una proposta di rinvio avanzata da Giuseppe Rabbito, una scelta determinata dal fatto che sulla proposta non si erano pronunciate le commissioni competenti e con l’esigenza, manifestata da più parti di approfondimento.
Quello del regolamento è stato l’unico argomento trattato ieri dall’assise, che però in apertura ha provveduto all’insediamento di un nuovo consigliere comunale: Adolfo Mollica. Era stato il secondo dei non eletti nella lista dell’Udc e prende il posto di Leone Sullo, diventato assessore al Centro storico. Il primo dei non eletti, Enzo Bosco, aveva rinunciato prima della seduta in quanto assessore all’Ambiente.
La discussione sul regolamento sulla riscossione diretta è stata aperta dalla relazione dell’assessore Roberto Di Mauro. La riscossione diretta, ha spiegato, riguarderà tutti i tributi (Ici, Tarsu, Cosap e Icp) ma il Comune avrà maggiori vantaggi per Ici e Tarsu poiché verrà mancare il passaggio intermedio del concessionario della riscossione, che incide sui tempi di accreditamento della somme all’Ente e, quindi, sulla pronta cassa. Ci saranno vantaggi, ha spiegato, sotto vari aspetti: minori costi di gestione; facilitazione nei pagamenti per i cittadini; rapporto diretto tra ente e contribuente.
Ulteriori chiarimenti sono stati dati dal dirigente del servizio Tributi, Vincenzo Migliore. L’utente, ha spiegato, vedrà abbattuti i costi di notifica degli atti e potrà scegliere forme di pagamento, come l’F24, che non comportano spese di commissione o comunque sono più vantaggiose di quelle attuali. Inoltre, si supereranno alcune farraginosità presenti nell’attuale sistema di trasferimento delle somme dal concessionario della riscossione al Comune.
Dai banchi, il  primo a intervenire è stato Paolo Romano, che ha parlato di “passaggio rivoluzionario” e di un risparmio per le casse, attraverso la riscossione diretta, stimabile in 200 mila euro l’anno. Giancarlo Garozzo ha proposto di inserire, tra le modalità di pagamento, anche quelli attraverso Lottomatica, mentre Ettore Di Giovanni ha accusato di non avere espresso il loro parere le commissioni competenti, “che potevano essere le sedi più idonee dove migliorare il testo del regolamento”. Giuseppe Rabbito, invece, ha parlato di ritardi nella trasmissione degli atti alle commissioni, e poi ha sollevato perplessità sui reali vantaggi che ne deriverebbero per i cittadini. Quindi ha chiesto chiarimenti sulla riscossione coatta, diversa da quella volontaria, su come la si intenda svolgere e con quali costi per il contribuente. Rabbito ha concluso con una richiesta di rinvio per un nuovo passaggio nelle commissioni della proposta.
Sulla riscossione coatta, Migliore ha subito chiarito che la previsione è di affidarla a una ditta esterna con gara e di evitare che i costi per il cittadino siano più alti di quelli sopportati oggi. Migliore si è detto contrario alla proposta di rinvio, evidenziando che il provvedimento era stato mandato alle commissioni nei tempi dovuti; quindi ha dato la massima disponibilità ad apportare tutti gli aggiustamenti necessari in un secondo momento. 
 Favorevole all’ipotesi del rinvio si sono detti Raimondo Giordano e Marco Mastriani, che ha motivato la sua idea con l’importanza della materia e con la necessità di  conoscere il testo finale del decreto Monti che ha appena superato l’esame del Parlamento. Infine, Fabio Rodante si è detto d’accordo allo slittamento del provvedimento ma solo se finalizzato a un approfondimento reale, proponendo anche la previsione di vantaggi ai contribuenti come la premialità ai più virtuosi e il quoziente familiare.
 Quindi, il presidente Edy Bandiera ha messo ai voti la proposta di rinvio, passata all’unanimità. Il regolamento tornerà in aula per l’approvazione il 31 gennaio.
 Unanimità, per concludere, anche sulla proposta di Garozzo di aggiornare la seduta al 28 per discutere gli altri punti all’ordine del giorno: il piano di emergenza sismica e la gestione della Cittadella dello sport da parte della Sogeas. Prima di sciogliere l’assemblea, il presidente Bandiera ha annunciato che in quella sede si discuterà pure di un’integrazione all’adesione del Comune al Distretto turistico del Sudest, approvata giorno 19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com