breaking news

CUMULI DI IMMONDIZIA AL QUARTIERE GROTTASANTA

CUMULI DI IMMONDIZIA AL QUARTIERE GROTTASANTA
Attualità
0

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

 

Lettera aperta del presidente del quartiere Grottasanta, Paolo Strazzulla, indirizzata all’attenzione del Consiglio Comunale, del primo cittadino, Roberto Visentin, del dirigente dell’ufficio ecologia e ambiente del Comune di Siracusa, Luciano Sansalone e dell’azienda Igm di Siracusa

 

Una domanda che il cittadino ogni giorno si pone e pone a tutti coloro che crede possono dare una risposta è: ma gli operatori ambientali dove sono? Che fine hanno fatto?

Più giorni passano e più questo enigma rimane in sospeso, l’immondizia per le strade continua ad aumentare, l’erba sotto le banchine, ai bordi dei muretti, continua a crescere, ma nessuno si vede, nessuno viene a tagliarla, a toglierla, a dare un degno decoro alle nostre strade.

Diverso dalla comunità, la domanda che mi pongo è la seguente: ma l’Amministrazione Comunale vede tutto questo? Sa che siamo il 1° comune in Italia che paga la tassa sui rifiuti più cara? (senza avere un servizio adeguato per quello che paga il cittadino). L’Amministrazione Comunale continua su questa strada, ma la maggioranza e l’opposizione al consiglio comunale, che fine ha fatto? Non vede tutto questo? La sua compiacenza con l’Amministrazione Comunale continua a far crescere la rabbia del cittadino, che, alla fine è il solo a rimetterci dalle tasche: è ora di dire basta! Non possiamo continuare a pensare che si paghi di più e si ricevono meno servizi, è vero che in tutti i settori ci sono stati aumenti , dai carburanti al genere alimentare, dall’energia elettrica al gas per abitazione…, cosa deve fare il cittadino per far valere i propri diritti? A quali Consiglieri “ops senatori comunali” si deve rivolgere? Quale Santo deve pregare? Non possiamo continuare a rivolgerci alla ditta che svolge questi sevizi ( I.G.M. Ambiente) quando sappiamo benissimo che l’Amministrazione Comunale continua a dare proroghe, senza dare un canone mensile adeguato al servizio che deve svolgere, lasciandolo fermo al 2003, gli anni sono passati, i costi aumentati, ma gli adeguamenti non sono avvenuti, e, come chiedere ad un fornaio di fare e dare il pane senza guadagnare il dovuto. E’ ora che l’Amministrazione Comunale dia delle risposte adeguate, per i servizi essenziali, quali: l’Igiene Ambientale. E intanto il cittadino continua a chiedersi: dove sono finiti gli operatori ambientali? 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com