breaking news

DANNI ALL’AGRUMICOLTURA, CASTANIA INVOCA STATO CALAMITA’

DANNI ALL’AGRUMICOLTURA, CASTANIA INVOCA STATO CALAMITA’
Cronaca
0

Grazie alla fattiva collaborazione dei privati cittadini, dei Carabinieri della locale stazione, sembra aver funzionato alla perfezione la macchina di Protezione Civile azionata alla notizia dell’allerta meteo dello scorso fine settimana dal Comune di Francofonte. Gli interventi tempestivi delle squadre di Polizia e dei  Tecnici municipali sottoposti ad obbligo di reperibilità,   hanno ovviato ai diversi disagi cagionati dalle avverse condizioni climatiche. L’adozione  immediata di misure di sicurezza ha preservato l’incolumità dei cittadini di diverse aree della città, dove i manti stradali non hanno retto ai martellamenti delle acque piovane, o dove si sono verificati crolli d’intonaci da abitazioni civili, ed ancora diversi alberi sono stati abbattuti dalle impetuose correnti eoliche. L’elenco dei danni constatati e segnalati all’Unità di crisi , ed aggiornato alle 13 di ieri, domenica giorno 11 marzo 2012, rassomiglia, comunque, ad un bollettino di guerra, tanto da aver indotto il Sindaco Giuseppe Castania, ad invocare ufficialmente il riconoscimento dello stato di calamità naturale, per gli ingenti danni subiti in maniera irreversibile dai produttori agricoli.

Nel dettaglio, già nelle prime ore della mattinata di sabato si sono registrate le prime segnalazioni di danni nel circondario urbano e di successivi sopralluoghi e predisposizione di soluzioni tampone, in alcuni casi e definitive per molti altri. Alberi sradicati, e subito rimossi, hanno invaso le carreggiate di Via Alessandro Diaz e nelle Contrade Silva e  S.Antonio, sulla SS194, attualmente chiusa al transito dal km 28.600. Diversi detriti da tetti scoperchiati, recinzioni murarie crollate nonché lastre in lamierino condotte in volo dal vento,  sono stati individuati ed asportati  nelle Vie, Diaz, Udine, Mastrarua, G.Galilei, Via Roma, Via Zola, G.D’Annunzio, Custoza. Inoltre, pali della corrente elettrica in pericolo di cedimento sono stati messi in sicurezza in Via Senatore Franco, in Via Gramsci, riparato dalla stessa società di fornitura d’energia un cavo elettrico in corto circuito tra Via Regina Margherita e Via Giordano Bruno. Divelta una finestra del plesso scolastico di Via Dante, dove due aule sono state allagate. Intorno alle 15 di sabato si è  verificato il ribaltamento di un camion che stava percorrendo la rotatoria che immette da Via S. Franco alla SS 194, a causa di una voragine formatasi sul manto stradale. Nella mattinata di domenica giorno 11 si è verificato il crollo di un terrapieno. Materiale di risulta e fanghiglia sono stati rimossi in grosse quantità in Corso dei Mille e strade limitrofe e nelle Contrade Mastrocciardi e Giardinello.

Questa mattina, il primo cittadino francofontese, ha provveduto a protocollare la richiesta di riconoscimento dello stato di  calamità naturale, indirizzandola all’Ispettorato provinciale dell’Agricoltura di Siracusa, Al Presidente del Consiglio dei Ministri, Al presidente della Regione Siciliana, al Prefetto di Siracusa, al Presidente della Provincia, alla Condotta Agraria di Lentini, all’Agenzia del Territorio ed all’INPS di Siracusa .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com