breaking news

EDILIZIA-FORTE CRISI-APPALTI CROLLATI

EDILIZIA-FORTE CRISI-APPALTI CROLLATI
Sindacale
0

E’ allarme in provincia di Siracusa nel settore dell’edilizia. Gli appalti sarebbero crollati del 60% e i dati parlano di un forte aumento di lavoratori in cassa integrazione. Si rischia il tracollo tra il 2011 e il 2012. Basti pensare che su 600 lavoratori edili che operano all’interno del polo industriale, ben 200 sono in cassa integrazione straordinaria. Un dato preoccupante aggravato da un’incertezza che si tocca già con mano. In provincia, nei cantieri dell’edilizia privata e pubblica si deve aggiungere il forte  ricorso al lavoro nero e irregolare che sta raggiungendo quote allarmanti. Un‘edilizia dunque allo stremo. L’allarme è stato lanciato dal segretario generale della FILCA Cisl Siracusa, Paolo Gallo, che ha diffuso gli ultimi, preoccupanti, dati sul ricorso alla cassa integrazione nella zona industriale e sulla crisi del settore. Il rischio ulteriore è rappresentato dalla forte contrazione nell’aggiudicazione gli appalti calati del 60% rispetto agli anni precedenti. Il segretario provinciale degli edili lamenta la mancata reazione e la giusta attenzione, “nonostante i tanti richiami”, sia da parte pubblica che privata. “Esasperante l’uso dei ricorsi al Tar e al CGA. Il primo si limita spesso alla semplice sospensiva non entrando nel merito ed i tempi per il CGA si allungano. Gli esempi sono tanti, forse i più eclatanti quelli del Teatro Comunale di Siracusa, dello svincolo della Maremonti, della strada Siracusa-Floridia, e del nuovo tappetino del tratto della Siracusa-Gela. Nella nostra provincia, non si conosce l’elenco dei progetti esecutivi. Non sappiamo, concretamente, quanti e quali interventi sono pronti per essere varati e dare ossigeno al settore”. Gli enti appaltanti dovrebbero esibire l’elenco dei progetti esecutivi, per avere il quadro esatto delle possibilità che ha ancora questo settore in provincia. Se le cose continueranno così, le conseguenze peggiori le avremo tra il 2011 ed il 2012. Certamente settembre sarà un mese cruciale per iniziative che il settore sarà costretto ad assumere.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com