breaking news

Melilli| EMERGENZA LEGALITÀ AL COMUNE

Melilli|  EMERGENZA LEGALITÀ AL COMUNE
Politica
'
0

LETTERA APERTA:

AGLI ORGANI DI STAMPA 

Loro Sedi

A Sua Eccellenza il Prefetto di Siracusa

Fax: 0931/729666

E, p.c. Al Sig. Presidente del Consiglio dei Ministri

E mail: centromessaggi@governo.it

Al Sig. Ministro dell’Interno

E.mail: gabinetto.ministro@interno.it

Al Sig. Procuratore Capo della Repubblica di Siracusa

Fax: 0931/494420

Oggetto: Emergenza legalità al Comune di Melilli

“I recenti fatti giudiziari concernenti l’ “Operazione Trasparenza” condotta dalla Procura della Repubblica di Siracusa e dal NORM CC di Augusta rappresentano un chiaro segnale di decadimento istituzionale del Comune di Melilli oltre a consegnare all’opinione pubblica, ciò che già da tempo si sapeva e molti non avevano il coraggio di dire pubblicamente, ovvero che a Melilli c’è una “consorteria” di politici e dirigenti che gestisce allegramente ed in maniera illegale la cosa pubblica.

Ed, infatti, ciò che scaturisce dall’attività giudiziaria è che a Melilli il duo Sorbello – Cannata condizionava e , purtroppo condiziona tutt’oggi, gli uffici comunali, mediante pressioni illecite e collusioni con alcuni funzionari comunali titolari di settori strategici ai loro affari.

Le vicende inerenti gli appalti pubblici, di cui solo alcune sono confluite nell’Operazione citata ed altri sono oggetto di indagini ancora aperte, l’affidamento del trasporto scolastico e della refezione scolastica a ditte di parenti entro il quarto grado di Consiglieri Comunali di maggioranza, la cementificazione di strade rurali in cambio di voti, il ricorso reiterato più volte al frazionamento delle gare per consentire di affidare direttamente a cottimo fiduciario i lavori pubblici ad amici degli amici, la gestione a danno dell’ambiente della depurazione dei reflui di Villasmundo e dell’emergenza ambientale di Città Giardino, la cattiva gestione e le malversazioni a danno dello Stato e dell’U.E. nell’appalto di 3,5 mln di Euro dell’area “Pip” di c.da Pietre Nere, fino agli affidamenti diretti e ai ricoveri di disabili psichici e minori presso la Cooperativa Sociale “Provvidenza”, sono la prova lampante che a Melilli opera un sistema organizzato per commettere illeciti a discapito della cittadinanza e del rispetto delle leggi.

La Coop. Provvidenza è, poi, un esempio chiaro di come il duo Sorbello – Cannata gestiva allegramente la cosa pubblica, una struttura dove l’Amministratore di fatto è la Dr.ssa Maria Concetta Ciulla, compagna del Sorbello e coinvolta nell’Operazione Antimafia “Morsa 2” che ha determinato lo scioglimento del Comune di Augusta per Mafia unitamente al Sorbello, e il figlio del Sindaco Cannata è stato il Vicepresidente sino al Giugno 2013.

Persino la sospensione di diritto dell’ex On. Sorbello da Deputato Regionale e Consigliere Comunale e del Sindaco Cannata , dovuta all’applicazione della Legge Severino, non ha prodotto alcun risultato poiché entrambi in maniera spensierata continuano a condizionare i pubblici uffici, compulsando i dipendenti comunali con le loro illecite richieste.

E se ciò non bastasse, la compagine amministrativa che regge il governo della città di Melilli, con in primo luogo la Dr.ssa Palmeri ma anche gli Assessori Massimo Magnano e l’ex Carabiniere Corrado Mascali, è l’emblema della continuità del vecchio regime e soprattutto rappresenta lo strumento per continuare a influenzare l’attività pubblica del Comune per favorire gli interessi di Sorbello e Cannata.

Per queste ragioni, sinteticamente riprodotte in questa lettera aperta, le scriventi Associazioni quali rappresentanti della società civile melillese chiedono con forza al Prefetto di Siracusa di intervenire tempestivamente allo scopo di ristabilire la legalità e la trasparenza al Comune di Melilli, eliminando ogni interferenza illegale e consentendo a tutti i cittadini di potersi riappropriare della gestione della cosa pubblica”.

Melilli, 4.3.2014

P. AMO MELILLI P. MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO

(Sebastiano CAMINITO) (Francesco NOCITO)

 

Visualizzazioni: 516

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *