breaking news

FALSI POVERI RICHIEDEVANO E D OTTENEVANO IL GRATUITO PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

7 Dicembre 2011 | by Redazione Webmarte
FALSI POVERI RICHIEDEVANO E D OTTENEVANO IL GRATUITO PATROCINIO A SPESE DELLO STATO
Cronaca
0

Sono ventisei le persone indagate a Siracusa per una frode sul gratuito patrocinio, la garanzia che permette di poter beneficiare dell’assistenza legale gratuita, per promuovere un giudizio o per difendersi davanti al giudice, a chi non è in grado di sostenere le relative spese legali.

Il reato ipotizzato dalla Guardia di Finanza di Augusta è quello di falso. Le fiamme gialle stanno effettuando controlli incrociati con i sistemi telematici sulla documentazione acquisita preso il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Siracusa. I 26 soggetti denunciati, pur avendo un reddito superiore ai limiti massimi previsti dalla Legge (10.628,16 euro annui dell’intero nucleo familiare), secondo l’accusa hanno sottoscritto autocertificazioni false per attestare la loro condizione di povertà e accedere al gratuito patrocinio.

Le richieste visionate attengono procedimenti civili ed amministrativi di vario genere: molte sono le cause intentate da ex dipendenti nei confronti dei datori di lavori; diverse anche le cause di separazione ed i procedimenti inerenti liti condominiali; alcune cause riguardano anche contenziosi verso gli Enti previdenziali. I responsabili, pertanto, sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Siracusa per il reato di falso. In un caso, i militari hanno anche scoperto che l’avvocato di un soggetto, ad insaputa dello stesso, aveva falsificato la firma del cliente sull’istanza di ammissione al gratuito patrocinio pur in assenza dei requisiti reddituali previsti per legge.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com