breaking news

FILIERA DELLA MANDORLA-MARCHIO TIPICO

FILIERA DELLA MANDORLA-MARCHIO TIPICO
Attualità
0

Costituito il Coordinamento regionale delle aziende siciliane della filiera mandorlicola. Il coordinamento nasce per iniziativa del Consorzio della Mandorla di Avola e dell’Associazione mandorla di Agrigento, con il patrocinio dell’assessorato regionale delle Risorse agricole e alimentari. Nella prima riunione che si e’ svolta oggi a Caltanissetta, e’ stato nominato portavoce del coordinamento il direttore del consorzio della mandorla di Avola, Corrado Bellia. E’ la prima volta nella storia della mandorlicoltura siciliana che si punta a raggruppare le aziende che fanno capo a questo settore, che coinvolge migliaia di addetti, tra produttori agricoli, aziende di lavorazione, trasformatori, pasticcerie, industrie dolciarie e di semilavorati.

“La costituzione del coordinamento e’ una scelta obbligata – sottolinea Bellia – per salvare una delle risorse agricole siciliane piu’ aggredite dalla concorrenza straniera, che nel giro di due decenni, con prodotti di scarsa qualita’, ha di fatto dimezzato la superficie mandorlicola dell’isola.””Il paradosso – aggiunge il referente della filiera frutta secca della Regione siciliana, Ignazio Vassallo – e’ che questo avviene mentre il consumo mondiale della mandorla e’ in costante crescita, specie nei Paesi emergenti come la Cina e l’India, verso cui gli Usa puntano come mercati ancora da conquistare”.”La scelta di riunire tutti gli operatori del settore – spiega Titti Bufardeci, assessore regionale alle risorse agricole e alimentari – va nella direzione giusta, perche’ accresce la competitivita’ del settore e crea le premesse per una politica di sostegno a una produzione di eccellenza che contraddistingue i nostri territori e il nostro paniere agroalimentare”. “Inoltre – continua l’assessore – il mandorlo rappresenta in molte realta’ un vero e proprio presidio di tutela ambientale e del paesaggio in aree non destinabili ad altre coltivazioni. Nonostante le massicce estirpazioni degli ultimi vent’anni, secondo i dati ufficiali, la coltivazione del mandorlo in Sicilia copre ancora 48 mila ettari di territorio, con una produzione di circa 600.000 quintali e una produzione lorda vendibile di 100 milioni di euro”. Un valore che si e’ dimezzato nell’ultimo biennio a causa del crollo dei prezzi. “Puntare a difendere e a rilanciare la mandorlicoltura siciliana non e’ una battaglia romantica – precisa Bufardeci- ma una scelta fortemente motivata dal punto di vista economico. Non solo per il valore della produzione lorda vendibile ma anche per il valore economico della produzione dolciaria siciliana e per il considerevole numero degli addetti coinvolti”. Tra le iniziative che saranno portate avanti dal coordinamento e’ annunciata la stipula di accordi di filiera con le aziende dolciarie siciliane e l’istituzione di un marchio del “Dolce tipico siciliano” per i prodotti realizzati con materie prime dell’isola, a partire ovviamente dalla mandorla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com