breaking news

FINISCE IN RISSA L’INCONTRO TRA CSTL BASKET MELILLI E VIGOR SANTA CROCE

15 Febbraio 2012 | by Redazione Webmarte
FINISCE IN RISSA L’INCONTRO TRA CSTL BASKET MELILLI E VIGOR SANTA CROCE
Sport
0

La speranza è che alla fine prevalga solo lo sport sano, frutto del lavoro di tecnici e giocatori. In riferimento al comunicato emanato dalla società Polisportiva Vigor Santa Croce, secondo cui: “Nell’intervallo succede quello che non ti spetti e cambia il clima, grazie alla frenesia di un giocatore del Melilli che pensa bene di giocarsela negli spogliatoi, aggredendo prima Peppe Barone, facendo scoppiare la rissa e poi non contento, rifilando inaspettatamente un ceffone al coach camarinense Di Stefano, intervenuto per sedare gli animi, vista la presenza nella propria squadra di parecchi giovani minorenni, intrappolati nella bagarre”, il presidente della Cstl Basket Melilli, Vincenzo Mollica ha inteso precisare alcuni passaggi fondamentali dell’accaduto.
“Alla fine del 2° quarto  con regolarità i ragazzi delle due squadre, prima la C.S.T.L, insieme ai relativi allenatori, si sono recate  negli spogliatoi dall’unica entrata  di accesso dal campo , in quanto le altre due, erano chiuse per motivi di ordine pubblico. Ho sentito un  vociare arrivare dagli spogliatoi-afferma Mollica- e dirigendomi in quella direzione, ho visto davanti alla porta del nostro spogliatoio una sorta di assembramento di giocatori ospiti, capeggiata dal n° 9 del Santa  Croce, che inveiva in maniera animata nei confronti del nostro   giocatore Francesco Messina, che lo ha semplicemente allontanato per evitare il contatto diretto, invitando la squadra ospite a rientrare. Non soddisfatto di ciò, coach Di Stefano ha continuato ad inveire, minacciando ripetutamente il nostro tesserato”. Stando alla versione di Mollica, in molti si sono prodigati Il sottoscritto si è prodigato  per  calmare gli animi. “Tengo a precisare – aggiunge Mollica- che, nel terzo e quarto parziale, Francesco Messina non ha giocato. Dalla tribuna molte persone hanno manifestato la volontà di adire a vie legali per le parole pesanti violente ed antisportive  dette dal Di Stefano.
Uscito  fuori ho telefonato ai Carabinieri di Melilli che tempestivamente  sono intervenuti, presenziando sino alla fine della partita, per tutelare l’ordine pubblico e l’incolumità del giocatore Francesco Messina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com