breaking news

FOGNE A TARGIA, NULLA E’ CAMBIATO

9 Settembre 2010 | by Redazione Webmarte
FOGNE A TARGIA, NULLA E’ CAMBIATO
Attualità
0

Annunci a parte, il collettore fognario di Targia, che avrebbe dovuto essere completato entro l’estate, secondo le rassicurazioni fornite dal Comune, rimane irrealizzato come da trent’anni a questa parte, mentre prosegue lo scempio ambientale degli sversamenti di liquami a cielo aperto. A fare tornare alta l’attenzione su questa vicenda è il capogruppo al quartiere Tiche del Pd, Fabio Fazzina. “Dopo oltre due mesi dalle rassicurazioni ricevute sui tempi di realizzazione del collettore, che collegherà la rete fognaria della zona nord della città al depuratore dell’Ias- ricorda l’esponente di opposizione –  siamo costretti a denunciare nuovamente il grave e non più tollerabile slittamento connesso al completamento dell’opera”. Fazzina chiede di conoscere le ragioni dell’ennesimo ritardo, ipotizzando, tra le altre, l’eventualità che l’Ias possa non essere in grado di “accogliere” i liquami di Siracusa. Infine, una domanda che ha il sapore di una “bacchettata”. “Al di là delle responsabilità e dell’immancabile e stucchevole scaricabarile –  conclude il capogruppo del Partito democratico –  quanto dovremo aspettare ancora prima che si possa chiudere questa ennesima ferita, aperta ormai da troppi anni, che oltre a rappresentare una vera emergenza sanitaria, offende e mortifica Siracusa, già provata da anni di malgoverno e da una gestione poco lungimirante del territorio?”. (flo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com