breaking news

FURTO DI RAME, IN MANETTE UN GRUPPO DI RUMENI

FURTO DI RAME, IN MANETTE UN GRUPPO DI RUMENI
Cronaca
0

Avrebbero rubato in più occasioni rame ai danni di un’azienda dismessa che si trova nella zona industriale del Dittaino, a Enna. Per questo ieri gli agenti del commissariato di Augusta, in collaborazione con la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Enna hanno arrestato Lucica Dumitru, 25 anni, residente ad Augusta Florinel Dinu, 28 anni, residente a Lentini. Viorel Dinu, 29 anni, residente a Lentini, Florentin Ilie, 20 anni , Florin Cancea, 28 anni, Marius Lucian Cancea, 23 anni, tutti di origine rumena. Per loro l’accusa è di furto aggravato. Gli investigatori a seguito di indagini condotte con l’ausilio sia di metodologie tradizionali, che di strumentazioni tecnologiche,avrebbero appurato che i giovani, partiti dalla zona del siracusano, a bordo di un furgone e di un’automobile, avrebbero raggiunto la zona industriale del Dittaino allo scopo di mettere a segno il colpo. Durante l’appostamento, i poliziotti avrebbero notato un’autovettura, seguita a brevissima distanza da un furgone, dirigersi a velocità sostenuta verso lo svincolo della A 19. Gli equipaggi avrebbero bloccato i malviventi, poco prima che potessero raggiungere la bretella di accesso della autostrada. Dal successivo controllo effettuato sui due automezzi sarebbe emerso che i sei individui avrebbero sottratto all’azienda diverse matasse di cavi di rame, poi stimate nel peso 1160 chili, nonché un materasso ad una piazza, verosimilmente utilizzato quale isolante per le operazioni di trancio dei cavi, una cesoia, una forbice per metallo, un seghetto con lame di ricambio ed un paio di guanti in gomma isolante, tutti oggetti utilizzati per tranciare i cavi, nonché diversi cutter necessari per sfoderare dalla guaina di rivestimento degli stessi. Il quantitativo di rame al mercato nero avrebbe fruttato verosimilmente la somma di 4 mila euro. I presunti ladri sono stati arrestati e condotti nelle case circondariali di Nicosia ed Enna. Gli arrestati dovranno anche rispondere di associazione a delinquere finalizzata al furto e alla ricettazione, visto che allo stesso gruppo sono stati già addebitati numerosi altri furti perpetrati nel siracusano.Sono in corso indagini per verificare se altri furti, avvenuti in territorio siracusano, siano ascrivibili allo stesso sodalizio criminoso.La poliza ha divulgato la foto di alcuni preziosi rubati al fine di individuarne i legittimi proprietari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com