breaking news

I° MAGGIO FESTA DEI LAVORATORI. ACCENDIAMO I RIFLETTORI SUL PROBLEMA, PERCHE’ UN FUTURO CI DEVE ESSERE.

I° MAGGIO FESTA DEI LAVORATORI. ACCENDIAMO I RIFLETTORI SUL PROBLEMA, PERCHE’ UN FUTURO CI DEVE ESSERE.
Attualità
0

“Accendiamo i riflettori sul problema,  perché un futuro ci deve essere”. Questo lo slogan che con forza è stato condiviso dai rappresentanti della Ugl che insieme all’Amministrazione comunale hanno tenuto la conferenza stampa di presentazione della manifestazione del I° Maggio, che quest’anno sarà organizzata a Priolo Gargallo. A rappresentare il sindacato nazionale Ugl,  il Vice Segretario Generale dell’Ugl, Serafino Cabras e il Segretario dell’Ugl di Siracusa e provincia, Antonio Galioto che insieme al Sindaco Antonello Rizza ed ai rappresentanti della Giunta comunale, ieri mattina, hanno spiegato agli organi della stampa i motivi della scelta della cittadina priolese quale location per lo svolgersi della manifestazione del I° Maggio.  Da dieci anni – con queste parole ha esordito il Vice Segretario Generale dell’Ugl, Cabras – la Ugl predilige individuare, per lo svolgimento della manifestazione, i luoghi simboli del lavoro. Priolo Gargallo rappresenta in questo momento il simbolo della crisi economica ed occupazionale, che sta falcidiando quasi l’intera comunità cittadina ed industriale. Il problema “viene da lontano” – ha continuato Cabras – ed è sicuramente un problema che investe l’intera nazione e non solo,  ma noi dobbiamo bruciare le tappe e prendere tutte quelle iniziative necessarie per risolvere le difficoltà nel minor tempo possibile. Con senso di responsabilità ognuno deve assumersi le proprie colpe ed il sindacato in questa fase ha un compito non frenante ma attivo, nel senso che ha l’obbligo di attivare ogni azione atta a migliorare la grave situazione economica che imperversa in tutta la nazione. Le autorità nazionali e regionali – ha concluso il Vice Segretario Generale Ugl Cabras –  facciano il loro dovere nei confronti dei lavoratori, che subiscono questo stato di cose. Per il sindaco Antonello Rizza,  Priolo Gargallo rappresenta una vetrina importante nel panorama variegato della zona industriale. Priolo Gargallo che ha la caratteristica unica di aver vissuto tutte le fasi del progresso evolutivo del polo industriale, che l’hanno condotto dall’eldorado del boom economico all’attuale crollo economico. La via del progresso – ha continuato Rizza –  è lastricata da molti no e da tante buone intenzioni, per questo è necessario fissare quali dogma da perseguire l’etica e la sovranità della popolazione che le industrie devono attenzionare. La crisi è generale e diffusa, ma Priolo Gargallo ha una posizione baricentrica rispetto alla nazione che le permette di vivere si una crisi senza limite ma di avere allo stesso tempo numerose possibilità di sviluppo. Il primo cittadino ha poi concluso il suo intervento dicendo: “L’Ugl ha lanciato un sassolino nello stagno perché tutti possiamo attivarci nella scommessa per cercare di cambiare le cose. E questo deve essere fatto del minor tempo possibile per evitare che il disagio sociale possa trasformarsi in rivolta sociale. Sulle problematiche del lavoro l’Amministrazione è pronta ad ogni iniziativa che possa alleviare la grave situazione occupazione che imperversa tra i cittadini priolesi. Abbiamo bisogno di tutti e il messaggio da trasmettere è quello all’insegna dell’ottimismo, affinché posso sorgere un’alba migliore grazie alle scelte forti e coraggiose che la politica, i sindacati e le industrie devono intraprendere.

Silvana Baracchi            

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com