breaking news

IL PESCE AZZURRO E’ BUONO E FA BENE AL CUORE

26 Febbraio 2011 | by Redazione Webmarte
IL PESCE AZZURRO E’ BUONO E FA BENE AL CUORE
Attualità
0

Il pesce azzurro è buono, ci piace e fa bene alla salute, soprattutto al cuore. E’ questo, in estrema sintesi, il messaggio rilanciato oggi nella giornata conclusiva del convegno sulla valorizzazione del settore ittico, organizzato nell’ambito del progetto “Azzurromare” voluto dal Dipartimento degli interventi per la pesca dell’assessorato delle Risorse agricole e alimentari della Regione Siciliana e realizzato dalla Ge.Se., Servizi generali alle imprese. Messaggio recepito e condiviso dagli studenti dell’Istituto Alberghiero “Calleri” di Pachino che, insieme, al resto dell’interessato uditorio, hanno affollato la sala conferenze del Palmento Rudinì di Marzamemi. “Il pesce azzurro contiene in grande quantità Omega 3, grasso buono che fa bene al nostro organismo e soprattutto previene le malattie cardiovascolari – ha detto il cardiologo Fabio Scandurra – ed è un alimento fondamentale nella dieta mediterranea che sempre più si attesta come baluardo per la salvaguardia della salute nel mondo”. Le qualità organolettiche del pesce azzurro sono state poi l’argomento dell’intervento di Corrado Montoneri, docente di sciente dell’alimentazione. “Occorre trovare il giusto equilibrio tra il consumo di pesce e la salvaguardia delle specie ittiche che sono a rischio di esaurimento – è stato il monito di Carmelo Maiorca, segretario regionale di Slow Food Sicilia – perché la pesca indiscriminata di pesci come il tonno rosso e il pesce spada, sta mettendo a dura prova la sopravvivenza di queste specie e l’esistenza stessa dei nostri pescatori”. Insomma, alici, sardine, lampughe, sgombri tutti i pesci azzurri sono considerati poveri solo per definizione di mercato rispetto al tonno ed al pesce spada. Si tratta invece di prodotti sani che, se consumati con giudizio, fanno bene alla nostra salute e possono rilanciare un settore in grave crisi. E proprio dalla sala del Palmento Rudinì è partita una proposta concreta: così come è avvenuto con l’istituzione dei mercati del contadino, è giunto il momento di sostenere e realizzare anche i mercati dei pescatori, proprio per dare nuovo impulso alle marinerie siciliane.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com