breaking news

MESSINA| INDAGINE SULLA SR-ROSOLINI

18 Novembre 2014 | by Rosa Tomarchio
MESSINA|  INDAGINE SULLA SR-ROSOLINI
Cronaca
'
0

Ci sarebbe anche la Siracusa -Rosolini inscritta nei faldoni della Procura di Messina che stamane ha fatto tramere i polsi a imprenditori e funzionari del Cas, Consorzio Autostrade Siciliane, finito nel mirino della mega indagine che ha portato ad otto ordinanze di custodia cautelare (arresti domiciliari) anche per il “modo” con cui sono stati effettuati i lavori effettuati anche sulla Siracusa-Rosolini. Le manette sono scattate nelle prime ore del mattino nel corso di un’operazione della Dia di Messina e del centro operativo di Catania. L’accusa “turbata libertà degli incanti, induzione a dare o promettere utilità e istigazione alla corruzione”. L’operazione è stata coordinata dalla Procura di Messina, dall’aggiunto Sebastiano Ardita e dal sostituto Fabrizio Monaco. Gli inquirenti stanno facendo luce su un presunto sistema di pilotaggio degli appalti in cui sarebbero stati coinvolti funzionari e imprenditori “in grado di truccare le gare dei lavori sulle autostrade siciliane”. I magistrati si sono soffermati sull’assegnazione di alcuni lavori assegnati nel 2013 relativi al servizio di sorveglianza attrezzata e per interventi urgenti e di assistenza al traffico sulle autostrade Messina-Catania, Siracusa-Rosolini e Messina -Palermo. Di comune accordo, secondo gli inquirenti, imprenditori e funzionari Cas avrebbero turbato la gara concordando le offerte da presentare e le percentuali di ribasso. Una volta aggiudicati i lavori, la ditta vincitrice si sarebbe avvalsa della manodopera e dei mezzi degli altri imprenditori che l’avevana favorita, con la compiacenza del dirigente del Cas che, in cambio, avrebbe ottenuto 100 mila euro in contanti e la ristrutturazione di una casa di sua proprieta’ ad Acqualadroni, una borgata costiera di Messina. Nessun politico coinvolto nell’inchiesta. Soddisfazione viene espressa dalla deputazione nazionale e regionale sul lavoro degli inquirenti su una delle grandi questioni della Sicilia per la quale diversi politici siracusani si sono battuti e firmato esposti in Procura circa la condizione in cui versa la Siracusa – Gela. Qualche anno addietro non mancarono i sospetti, le polemiche e le segnalazioni da parte di alcuni deputati siracusani e la nascita di comitati portarono al rifacimenti del manto stradale. 

 

Visualizzazioni: 40

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *