breaking news

INFEZIONI VIRALI, AL VIA UN NUOVO SISTEMA ALL’UMBERTO PRIMO

INFEZIONI VIRALI, AL VIA UN NUOVO SISTEMA ALL’UMBERTO PRIMO
Sanità
0

L’unità operativa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’ospedale Umberto I di Siracusa diretta da Dario Genovese ha portato a termine il processo di aggiornamento tecnologico per la diagnostica con metodo della “amplificazione degli acidi nucleici” che innalza rilevantemente il livello di sensibilità nella rivelazione e quantificazione dei virus patogeni di interesse clinico.Il nuovo sistema adottato garantisce un’alta precisione dei risultati che riproducono pressoché fedelmente e ad elevata attendibilità l’entità delle infezioni virali e consente il dimezzamento dei tempi di attesa della risposta analitica con la possibilità di rilasciare i referti entro 10 giorni dal prelievo.La maggiore richiesta di test diagnostici con tale sistema (denominato PCR real time) è rappresentata dalla quantificazione del virus responsabile dell’epatite C, di grande interesse non solo ai fini diagnostici ma anche per il monitoraggio dell’efficacia terapeutica e della entità della risposta.La Sezione di Biologia molecolare dell’Unità operativa di Medicina trasfusionale dell’ospedale Umberto I è l’unica struttura di riferimento in ambito provinciale che assicura queste prestazioni diagnostiche sia per l’utenza in regime di ricovero, sia per quella esterna con accesso diretto ed immediata esecuzione dei prelievi all’atto della presentazione.“Siamo lieti – dichiara il direttore generale Franco Maniscalco – di portare a conoscenza di tutti i pazienti della provincia e di tutti gli operatori sanitari questo ulteriore passo in avanti compiuto per garantire elevati standard qualitativi delle prestazioni sanitarie rese dalla nostra Azienda. La rapida definizione delle procedure di aggiornamento è stata resa fattibile dalla azione coordinata e dal contributo operativo fornito dagli Uffici del Provveditorato e del Dipartimento dei Servizi farmaceutici ai quali va rivolto l’apprezzamento della Direzione aziendale”.

Nel corso del 2010 il Servizio di Medicina trasfusionale del presidio ospedaliero Umberto I ha eseguito con il precedente sistema 2.449 test qualitativi e quantitativi con metodica di amplificazione di acidi nucleici, di cui 1.548 per il virus dell’epatite C; 492 per l’epatite B e 394 di HIV (Aids).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com