breaking news

INIZIATO OGGI IL PROCESSO RELATIVO AGLI EVENTI CHE MISERO IN PERICOLO LA VITA DELLA PICCOLA MIRIANA

INIZIATO OGGI IL PROCESSO RELATIVO AGLI EVENTI CHE MISERO IN PERICOLO LA VITA DELLA PICCOLA MIRIANA
Sanità
0

Rinviato all’udienza del 19 ottobre 2011, che per per volere dell’imputato si svolgerà con rito abbreviato, il procedimento penale iniziato oggi davanti il GIP del Tribunale di Siracusa dott.sa Giuseppina Storaci.

Le indagini della Procura della Repubblica di Siracusa, relative alla drammatica sequenza di eventi che pose in gravissimo pericolo di vita della piccola Miriana Briante la mattina del 28/02/2010, hanno evidenziato la responsabilità del sanitario di turno presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Umberto I di Siracusa, tratto a giudizio per il reato di omissione di atti di ufficio, e messo in luce la grave carenza della struttura ospedaliera siracusana, sprovvista di una Unità di Emergenza pediatrica.

I genitori di Miriana, sono stati assenti al processo, a rappresentarli il loro difensore l’avv. Ezechia Paolo Reale, senza al momento costituirsi parte civile.

< La nostra scelta - hanno detto i genitori di Miriana - è dettata dal fatto che vogliamo sottolineare e rendere evidente come il nostro intento non sia quello di una rivalsa personale od economica nei confronti di un singolo sanitario, ma piuttosto quello di tenere alta l'attenzione sull'assoluta necessità di realizzare presso l'Ospedale di Siracusa l'Unita' di Emergenza pediatrica affinché altri bimbi non siano posti in pericolo di vita ed altri genitori non abbiano a subire la disperazione che noi abbiamo provato quel giorno. Ancora oggi, nonostante una raccolta di firme, da noi promossa subito dopo quegli eventi, che ha visto l'adesione di oltre 45.000 persone, la struttura ospedaliera è infatti priva di tali strutture pediatriche. La nostra presenza, attraverso il nostro legale, nel processo a carico del sanitario di turno vuole essere un monito ai responsabili dell'Ospedale Umberto I, a tutti i livelli, affinché, ove dovesse ripetersi una situazione simile a quella che noi abbiamo vissuto e che abbiamo avuto la fortuna di risolvere positivamente, nessuno di essi possa mai dire "io non sapevo che .", "io non credevo che ..", "io non potevo immaginare che.". >

F.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com