breaking news

ITALIA NOSTRA: SCEMPIO IN VIALE EPIPOLI

ITALIA NOSTRA: SCEMPIO IN VIALE EPIPOLI
Attualità
0

“Italia nostra” grida allo scandalo e punta l’indice contro la presunta cementificazione selvaggia della zona di Epipoli. “Dimostrazione evidente  di scelte che incidono pesantemente e negativamente  sul territorio – commenta la presidente provinciale, Lucia Acerra –  è il massiccio edificato che si trova in prossimità dell’Ospedale Rizza .  Una miriade di corpi edilizi ,di pessimo gusto e in contrasto con l’originaria tutela archeologico-paesaggistica della  zona, appesantisce il luogo dove insistono tracce evidenti e significative delle mura dionigiane e dell’acquedotto Galermi”. Un comportamento che non sarebbe nuovo. “Da diversi decenni –  ricorda Acerra – la balza di Epipoli ha costantemente subito svariati tentativi di aggressione, alcuni dei quali portati a compimento  nel dispregio più assoluto dei valori storici e archeologici.  Nel momento in cui si discutono le varianti al PRG per l’area ancora “disponibile” è auspicabile la riconsiderazione dei vincoli precedentemente apposti per evitare la proliferazione di edifici  sparsi qua e là che altererebbero definitivamente anche il profilo paesaggistico  dell’unica zona da cui  la vista può spaziare dal Porto grande, alla piana dell’Anapo , alla penisola della Maddalena, al mare aperto. Ma le ragioni di malcontento per Italia nostra sono anche altre.  “Altro grave problema – prosegue la presidente dell’associazione – riguarda la tutela paesaggistico-morfologica del Porto grande su cui vigeva il vincolo archeologico e paesaggistico, di fatto vanificato con la costruzione del porto turistico e le previsioni di ulteriori, simili strutture”. Argomenti sui quali tornare, secondo Italia nostra, nell’ambito della prevista modifica del piano regolatore, per non commettere simili errori anche in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com