breaking news

LA PROTESTA DEI “FORCONI” AL QUESTION TIME DELLA CAMERA

17 Gennaio 2012 | by Redazione Webmarte
LA PROTESTA DEI “FORCONI” AL QUESTION TIME DELLA CAMERA
Politica
0

La protesta del movimento dei “Forconi” di  questi giorni, non è rimasta inascoltata. L’on. Giuseppe Gianni del PID, dopo avere analizzato la piattaforma rivendicativa del movimento, che in questi giorni ha posto in essere forme di protesta in tutta la Sicilia, illustrerà, domani al question time con il ministro dell’agricoltura Mario Catania, che si svolgerà in diretta a partire dalle 15,00 su rai 3,  una interrogazione con la quale si chiede al Governo di intervenire in tempi celeri per dare un aiuto concreto alla categoria.
“Da diversi mesi, gli allevatori, gli agricoltori e, conseguentemente, gli autotrasportatori, del Mezzogiorno d’Italia e in particolare della Sicilia – scrive Gianni – hanno dato vita a forme varie di protesta. L’aumento della benzina – aggiunge il parlamentare del PID – e la mancanza di infrastrutture rendono ancora più cari i prodotti che dalle campagne del sud devono raggiungere i mercati del Nord”.
“La situazione- si legge ancora nella interrogazione –  sta degenerando con gravi problemi per l’ordine pubblico; i manifestanti non sono più in grado di affrontare la grave crisi che ha colpito il settore con le istituzioni che subiscono criteri e scelte della Comunità Europea che rischiano di affossare definitivamente uno dei pilastri fondamentali della nostra economia meridionale e richiedono la defiscalizzazione dei carburanti e dell’energia elettrica;  l’uso dei fondi europei per lo sviluppo da utilizzare per arginare la crisi dell’agricoltura;  il congelamento delle procedure di Equitalia-Serit, agenzie che si occupano della riscossione dei tributi”.
L’interrogazione si conclude con la richiesta al Ministro di andare incontro alle giuste richieste del movimento dei forconi richiedendo in sede di Comunità europea l’utilizzo in deroga, per altri quattro o cinque anni, dei fondi del Piano di Sviluppo rurale (2007-2013) per affrontare la grave crisi che colpisce il settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com