breaking news

LA “RIVOLTA” DEI LIBERI PROFESSIONISTI DEL SETTORE TECNICO

24 Gennaio 2012 | by Redazione Webmarte
LA “RIVOLTA” DEI LIBERI PROFESSIONISTI DEL SETTORE TECNICO
Attualità
0

Disappunto esternato dai Liberi Professionisti del settore tecnico, residenti nel comune di Priolo Gargallo,  nel corso della riunione che si è tenuta,  nei giorni scorsi,  presso l’ufficio di gabinetto alla presenza del sindaco Antonello Rizza. Chiesto dai professionisti l’annullamento della Delibera di Consiglio comunale n. 76 del 27/10/2011, con la quale l’Assise cittadina decise di abbassare la soglia per il conferimento degli incarichi da ? 40.000  a ? 750. Il sindaco Rizza, accogliendo il disappunto dei professionisti ha comunicato agli intervenuti di aver già dato mandato per adire alle vie legali e ricorrere al T.A.R. al fine di annullare la delibera consiliare. Presentata agli atti una missiva nella quale i professionisti priolesi hanno espresso tutto il loro disappunto sull’accaduto, precisando inoltre che l’operato del Civico Consesso “penalizza la categoria oltre ad essere in disaccordo con il  Decreto Legge 13 maggio 2011, n. 70, le cui intenzioni dovevano essere quelle di ridurre i tempi di costruzione delle opere pubbliche e semplificare le procedure di affidamento dei relativi contratti pubblici (Art. 4 comma 1)”. Il Consiglio Comunale, con la Deliberazione suddetta, – continuano i professionisti nella missiva – abbassa la soglia dei 40.000,00 euro per ottenere l’affidamento diretto di servizi tecnici fino ad euro 750,00, come dire: “liberi professionisti di Priolo non consentiamo che vi siano affidati incarichi diretti”. Con la stessa Delibera veniva abbassata la soglia di cui all’art. 125, comma 9 fino ad euro 15.000,00, con il risultato che  l’Amministrazione Comunale potrà affidare mediante procedura negoziata, previo invito ad almeno dieci soggetti idonei, servizi tecnici di importo pari o superiore a euro 750,00 e inferiore a euro 15.000,00. Secondo i professionisti, pertanto, la delibera consiliare penalizza la già contingente situazione occupazionale ed inasprisce i precari equilibri della categoria professionale.

Silvana Baracchi            

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com