breaking news

Lentini | Cento chili di marijuana in un’abitazione di Agnone Fortezza, la polizia arresta due persone

31 Maggio 2019 | by Silvio Breci
Lentini | Cento chili di marijuana in un’abitazione di Agnone Fortezza, la polizia arresta due persone
Cronaca
'
0

In manette un catanese e un albanese di 50 e 43 anni. La droga nascosta sotto la ghiaia di un’aiuola e in alcune stanze dell’abitazione. Coordinate dalla Procura di Siracusa, le indagini sono ancora in corso.

Gli arrestati. Cento chilogrammi di marijuana sono stati rinvenuti e sequestrati dalla polizia di Lentini in un’abitazione di contrada Agnone Fortezza al termine di un’operazione antidroga conclusasi con l’arresto di due persone. In manette sono finiti Rosario Calatella e Pullumb Kongjoni, catanese di 50 anni il primo, albanese di 43 anni il secondo, sottoposto quest’ultimo a fermo di indiziato di delitto. I due dovranno rispondere del reato di detenzione a fini di spaccio e traffico di sostanze stupefacenti. A Calatella e Kongjoni gli investigatori del commissariato lentinese diretti dal vice questore aggiunto Marco Maria Dell’Arte e coordinati dalla Procura della Repubblica di Siracusa sono arrivati dopo una serie di appostamenti che hanno permesso di accertare strane operazioni di carico e scarico di pacchi che avvenivano in due abitazioni di contrada Agnone Fortezza.

Nella foto Rosario Calatella e Pullumb Kongjoni

L’operazione. Quando i poliziotti del commissariato lentinese hanno deciso di fare irruzione, nel primo dei due edifici hanno identificato il proprietario Rosario Calatella e rinvenuto, dopo un’accurata perquisizione condotta con l’aiuto di unità cinofile, cento chilogrammi circa di marijuana. La droga, già confezionata in buste di cellophane sotto vuoto del peso di due o di cinque chilogrammi, era nascosta sotto la ghiaia di un’aiuola e in alcune stanze dell’abitazione. Contestualmente, i poliziotti hanno perquisito la seconda casa in uso a un terzo soggetto, C.G. di 60 anni, già noto alle forze dell’ordine, che era in compagnia di un suo ospite, l’albanese Pullumb Kongjoni. Al termine della perquisizione, effettuata anche in questo caso con l’ausilio dei cani antidroga, gli agenti hanno rinvenuto 7,8 grammi di stupefacente. Il sessantenne C.G. dichiarava di esserne unico possessore in quanto assuntore di marijuana.

Gli sviluppi? Le immagini di un sistema di video registrazione istallato nell’abitazione del Calatella hanno permesso ai poliziotti di accertare che mercoledì scorso il Kongjoni e lo stesso Calatella avevano prelevato quattro involucri di droga e li avevano inseriti dentro un sacchetto di plastica di colore nero, nascosto accanto a un ripostiglio vicino alla scala. Sacchetto in seguito consegnato a una persona rimasta ignota giunta nell’abitazione a bordo di autovettura. Nell’abitazione del Calatella i poliziotti avrebbero rinvenuto anche un’agenda con nomi e cognomi. Il cittadino albanese è stato posto in stato di fermo mentre il sessantenne C.G., già responsabile dei medesimi reati in passato anche in forma associativa, è sottoposto a indagini in stato di libertà. Sono in corso ulteriori indagini coordinate dalla Procura della Repubblica per approfondire il traffico generato dall’ingente sequestro di marijuana.

© Riproduzione riservata

LENTINI – OPERAZIONE ANTIDROGA – LA POLIZIA DI STATO SEQUESTRA 100 CHILOGRAMMI DI SOSTANZA STUPEFACENTE E ARRESTA DUE PERSONE

LENTINI – OPERAZIONE ANTIDROGA – LA POLIZIA DI STATO SEQUESTRA 100 CHILOGRAMMI DI SOSTANZA STUPEFACENTE E ARRESTA DUE PERSONENel corso della giornata di ieri, Agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di P.S. di Lentini, hanno arrestato CALATELLA Rosario (classe 1969) catanese, e sottoposto a fermo di indiziato del delitto KONGJONI Pullumb (classe 1976) di origine albanese, per il reato di detenzione ai fini di spaccio e traffico di sostanze stupefacenti (marijuana).In particolare, gli investigatori del Commissariato di Lentini, a seguito di una celere ma efficace attività di polizia giudiziaria coordinata dalla Procura della Repubblica di Siracusa, organizzavano dei servizi di appostamento finalizzati a verificare la presenza di cittadini stranieri intenti svolgere delle attività di carico e scarico di grossi quantitativi di pacchi in due abitazioni della contrada Fortezza – Agnone. Pertanto gli Agenti, dopo una breve verifica, decidevano di fare irruzione all’interno delle due proprietà.Nella prima delle due, gli operatori di Polizia identificavano il proprietario per CALATELLA Rosario, e da una perquisizione, condotta anche con l’aiuto di unità cinofile, venivano rinvenuti 100 chilogrammi circa di marijuana nascosta sotto la ghiaia di un’aiuola e in alcune stanze della casa. La droga era già confezionata in buste di cellophane sotto vuoto, del peso di due o di cinque chilogrammi.Contestualmente, si procedeva a perquisire la seconda abitazione in uso ad un terzo soggetto di 60 anni (C. G.) già conosciuto alle forze di Polizia, il quale si trovava con il cittadino albanese KONGJONI Pullumb, ospite nella sua abitazione. La perquisizione eseguita, con l’ausilio, anche in questo caso, di cani anti droga, consentiva di rinvenire 7,8 grammi di stupefacente, che il medesimo C. G. riferiva di esserne unico possessore, poiché assuntore di marijuana. Nel corso dell’esecuzione dell’arresto di CALATELLA Rosario, gli investigatori sequestravano un video registratore, istallato all’interno dell’abitazione di quest’ultimo, nonché un’agenda con nomi e cognomi. La visione delle immagini consentiva di acclarare che nella giornata del 29 maggio u.s. KONGJONI Pullumb che, insieme a CALATELLA Rosario prelevavano 4 involucri contenente droga.Due di questi involucri venivano celati all’interno di un sacchetto di plastica nero e sistemati accanto ad un ripostiglio, sito nei pressi della scala che porta al piano superiore. I due involucri messi all’interno del sacco nero venivano successivamente consegnati ad una ignota persona che giungeva nella villa a bordo di autovettura.Dagli elementi raccolti, oltre a porre in stato di fermo il cittadino albanese, si sottoponeva ad indagini, in stato di libertà, C. G. (di anni 60, residente in Augusta- c.da Agnone Fortezza), già responsabile dei medesimi reati in passato, anche in forma associativa.Sono in corso ulteriori investigazioni, sempre coordinate dalla Procura della Repubblica aretusea, per approfondire e sviluppare il giro del traffico generato dall’ingente sequestro della sostanza stupefacente operato.

Publiée par Questura di Siracusa sur Vendredi 31 mai 2019

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com