breaking news

Lentini | A passo lento negli antichi quartieri tra “pane, amore e cudduruni”

24 Ottobre 2018 | by Silvio Breci
Lentini | A passo lento negli antichi quartieri tra “pane, amore e cudduruni”
Cultura
'
0

Domenica la Giornata nazionale del trekking urbano, alla scoperta degli antichi forni in pietra tra le vie dello storico quartiere di San Paolo.

Riscoprire in lentezza la bellezza delle proprie città. Sarà “Pane, amore e cudduruni” il tema locale della Giornata nazionale del trekking urbano che domenica 28 ottobre, per il secondo anno consecutivo, vedrà protagonista anche a Lentini. Lanciata nel 2002 dal Comune di Siena e giunta alla XV edizione, l’iniziativa punta a far riscoprire la bellezza del patrimonio culturale della propria città osservandolo a passo lento. Saranno 56 le città italiane coinvolte nell’iniziativa che avrà come tema generale “Raccontami come mangi e ti dirò chi sei”. Solo due in Sicilia i centri coinvolti, ovvero Catania e Lentini.

Il trekking urbano, cos’è? Il trekking urbano è un’attività che coniuga sport, arte, gusto e voglia di scoprire gli angoli più nascosti e curiosi delle città attraverso una serie di itinerari. Si tratta di una forma di turismo “vagabonding”, ovvero libera e ricca di sorprese, adatta a tutte le età, che non richiede un allenamento preventivo.

“Pane, amore e cudduruni”. Organizzata dal Comune con la collaborazione della Pro Loco e della locale condotta di Slow Food, l’iniziativa permetterà ai partecipanti di scoprire gli antichi forni in pietra tra le vie dello storico quartiere di San Paolo degustando il “pani cunzatu” e il “cudduruni”, prodotto da forno tra i più buoni e rinomati della tradizione culinaria locale, una focaccia di semola di grano duro farcita con cipolla o broccoli neri o ancora “anciti” (bietole selvatiche). L’itinerario si concluderà all’Archivio storico dove sarà allestita, in collaborazione con il Centro studi territoriali Ddisa, una mostra sul “pubblico panizzo”. Sempre all’interno dell’Archivio storico sarà allestita una esposizione di particolari forme di pane e impasto di tumminia a cura di un panificio di Carlentini. Slow Food, invece, proporrà all’interno dell’ex pescheria un laboratorio del gusto e una degustazione in collaborazione con un panificio della città.

© Riproduzione riservata

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com