breaking news

Lentini | Amministrative, scrutinio ultimato: ecco i risultati definitivi

12 Ottobre 2021 | by Silvio Breci
Lentini | Amministrative, scrutinio ultimato: ecco i risultati definitivi
Politica
'
0

Bosco (34.70%) manca la riconferma già al primo turno per poche centinaia di voti. Lo sfiderà Lo Faro del Patto Civico che si ferma al 23.73%. Otto liste non superano lo sbarramento del 5%. Ora e Viva Lentini le prime due forze politiche della città. Dietro Lentini Operosa di Pd e Articolo 1.

La sfida al ballottaggio. Ancora quindici giorni di campagna elettorale – si tornerà alle urne per il turno di ballottaggio domenica 24 e lunedì 25 ottobre – prima della scelta della nuova amministrazione comunale di Lentini. L’uscente Saverio Bosco, farmacista di 37 anni, che ha mancato la riconferma già al primo turno per poche centinaia di voti (ne ha totalizzati 3.540, attestandosi al 34.70%), dovrà vedersela con Rosario Lo Faro, avvocato, in passato assessore nella giunta guidata dall’allora sindaco Nello Neri. Candidato del Patto civico per Lentini, Lo Faro di voti ne ha racimolati 2.421, ovvero il 23.73% dei 10.577 votanti.

Gli esclusi. Fuori dalla corsa per la sindacatura – come era emerso chiaramente già a scrutinio parziale – gli ex coniugi Stefano Battiato e Francesca Reale, il primo candidato del centrodestra, espressione della coalizione Lentini in fiore, la seconda sostenuta da una formazione con dentro gli autonomisti e i musumeciani di Diventerà Bellissima. Tra i due alla fine c’è stata una sostanziale parità. È andata poco meglio a Battiato, avvocato 48enne, già consigliere comunale e sfidante sconfitto da Bosco nel ballottaggio delle amministrative del 2016, che ha ottenuto 1.763 voti (il 17.28%). Dietro, con un distacco di poco più di un centinaio di voti, la Reale. La figlia dell’ex assessore provinciale, docente di Italiano di 43 anni, si è fermata a 1.650 suffragi (il 16.17%). Modesto il risultato ottenuto dalle altre due donne candidate, Maria Adagio e Laura Vacirca. Entrambe speravano probabilmente in una risposta più soddisfacente da parte dell’elettorato. Sostenuta dalla lista civica Terra, Maria Adagio, direttore dei servizi generali e amministrativi dell’Istituto superiore Vittorini-Gorgia di Lentini, da sempre impegnata nelle lotte per la difesa dell’ambiente e del territorio, ha ottenuto solo 569 voti (il 5.58%). È andata peggio a Laura Vacirca, titolare di un negozio di abbigliamento a Lentini, alla sua prima esperienza politica, che ha conseguito appena 258 voti, raggiungendo un modestissimo 2.53%.

Le liste out. Delle diciotto liste per il rinnovo del consiglio comunale presentate a sostegno dei sei candidati a sindaco, ben otto non hanno superato lo sbarramento del 5% essendo rimaste al di sotto della soglia di 466 voti. A rimanere tagliate fuori dalla ripartizione dei sedici seggi in consiglio comunale saranno una lista della coalizione di Bosco e una della coalizione di Lo Faro. Così anche due liste della coalizione di Battiato e due dello schieramento della Reale. Fuori anche le liste civiche che hanno sostenuto Adagio e Vacirca. Ma vediamo nel dettaglio chi rimarrà certamente fuori dall’aula di via Galliano non potendo concorrere alla ripartizione dei seggi. Bosco perde per strada la lista 2026, che totalizza appena 22 voti (lo 0.24%). Fa peggio la lista Lentinesi insieme, una delle quattro a sostegno di Lo Faro, che di voti ne racimola solo 12 (lo 0.13%). Niente seggi anche per due liste della coalizione Lentini in fiore di Battiato. Non ce la fa Forza Italia che si ferma a 452 voti (il 4.85%). Ottiene appena lo 0.33% (31 voti) la lista Noi per Lentini. Anche nella coalizione della Reale due liste rimangono escluse dalla ripartizione dei seggi, quella dei Popolari per Lentini, formazione politica di cui la stessa Reale era segretaria, che non va oltre il 4.04% (376 voti), e la civica Prima i Lentinesi, che con 163 voti si ferma all’1.75%. Niente seggi, come detto, per le liste Terra e Insieme per Lentini. La prima ottiene 374 voti (il 4.01%), la seconda solo 242 (il 2.60%).

Ora e Viva Lentini le prime forze politiche. Come nel 2016, la lista Ora conferma la propria leadership come prima forza politica della città, avendo ottenuto 1.446 voti di preferenza (il 18.91%). Subito dietro, con 1.311 voti (il 17.15%), la lista Viva Lentini. L’altra lista a sostegno di Bosco che ha superato lo sbarramento è Liberi (506 voti, il 6.62%), ottava nella graduatoria delle dieci liste che concorreranno alla ripartizione dei seggi.

Pd e Art. 1 al terzo posto. Al terzo posto, con 815 voti (il 10.66%) si piazza la lista Lentini Operosa, nella quale com’è noto sono confluiti i rappresentanti di Pd e Articolo 1. Un risultato che la dice lunga sullo scontro non proprio sotterraneo che da anni infiamma le diverse fazioni di quella che un tempo era la casa unica – o quasi – dei democratici lentinesi, da cui Bosco, a seguito del celebre “strappo dei 75”, uscì prima delle amministrative del 2011 per confluire in Sinistra Ecologia e Libertà e conquistare uno scranno in consiglio comunale.

Gli altri piazzamenti. Quarta forza politica la lista Francesca Reale Sindaco che ottiene 781 voti (il 10.22%). A seguire la lista del Patto civico per Lentini (739 voti, 9.67%) e il Movimento 5 stelle (553 voti, 7.23%). Le due liste della coalizione Lentini in fiore che superano lo sbarramento del 5% si piazzano al settimo e al nono posto: la civica L’altra Lentini ottiene 515 voti (il 6.74%), Fratelli d’Italia 501 (il 6.55%). Ultima Diventerà Bellissima, che raggranella solo 478 voti (il 6.25%). Per l’attribuzione dei seggi bisognerà adesso attendere eventuali apparentamenti tra le liste che potrebbero parzialmente modificare la distribuzione.

© Riproduzione riservata

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com