breaking news

Lentini | “Chiusura temporanea” di Geriatria, l’amministrazione chiede incontro alla Regione

7 Giugno 2018 | by Silvio Breci
Lentini | “Chiusura temporanea” di Geriatria, l’amministrazione chiede incontro alla Regione
Sanità
0

Lettera di Bosco e Saggio all’assessore alla Salute e al presidente della Regione: «Decisione lontana dalle reali esigenze del territorio». No a soppressioni e accorpamenti tra unità operative. La questione sollevata nei giorni scorsi dalla Cgil.

«Decisione lontana dalle esigenze del territorio». Sottolineano il «profondo rammarico» della comunità e parlano di «decisione lontana dalle reali esigenze del territorio» il sindaco Saverio Bosco e l’assessore alla Sanità Dario Saggio nella lettera inviata all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, al presidente della Regione Nello Musumeci, al direttore generale dell’Asp di Siracusa e al direttore sanitario dell’ospedale di Lentini Alfio Spina, sulla vicenda dell’annunciata chiusura temporanea del reparto di Geriatria e Lungodegenza e del suo contestuale e parziale accorpamento con il reparto di Medicina.

No a soppressioni e accorpamenti tra unità operative. «Una decisione – scrivono Bosco e Saggio – che, se confermata e protratta nel tempo, porterebbe a un gravissimo disagio per i cittadini del comprensorio. L’ospedale di Lentini abbraccia un vastissimo territorio con un bacino di utenza particolarmente elevato. A questo si aggiungano i gravi e noti problemi di salute di una zona che registra uno dei più alti indici di malattie tumorali. Circostanza non di poco conto che richiede il mantenimento e il miglioramento dei servizi ospedalieri, non certo la loro riduzione con soppressioni e accorpamenti tra unità operative».

Chiesto incontro alla Regione. L’amministrazione comunale di Lentini ha chiesto all’assessore regionale alla Salute un incontro urgente per fare chiarezza sulla vicenda e dare risposte certe e immediate ai cittadini.

La denuncia della Cgil. Nei giorni scorsi a sollevare la questione sono stati il segretario provinciale della Cgil, Roberto Alosi, e il segretario della Camera del Lavoro, Paolo Censabella, che hanno parlato di «fatto molto grave» e di decisione «inaccettabile e irrazionale» a distanza di solo un mese dall’attivazione del reparto di Rianimazione e mentre si attende ancora che esso entri a pieno regime con tutti i posti letto previsti.

Procedere alle assunzioni di medici, infermieri e tecnici. «La Cgil – hanno scritto – richiama l’attenzione sulla necessità e l’urgenza di procedere con rapidità alle assunzioni di medici, infermieri e tecnici per garantire i livelli essenziali di assistenza». Nello specifico per riattivare i posti letto di osservazione breve intensiva al pronto soccorso e per rendere più efficienti tutti i servizi sanitari, compresi quelli in capo al Distretto e in particolare dedicati agli anziani, ovvero la Rsa (Residenza sanitaria assistenziale), la Suap (Speciale unità di accoglienza permanente), la Lungodegenza e la Riabilitazione.

© Riproduzione riservata

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com