breaking news

Lentini| “Ora” diventa associazione politica, Bosco: «La città ha voglia di normalità»

19 Dicembre 2016 | by Silvio Breci
Lentini| “Ora” diventa associazione politica, Bosco: «La città ha voglia di normalità»
Politica
0

Salone affollato ieri sera al Sant’Alphio Palace per la presentazione dell’associazione d’iniziativa politica e sociale. Il primo cittadino traccia il bilancio sui primi 150 giorni di attività amministrativa.

diretta-bisAssociazione “Ora”, via al tesseramento. Sala gremita domenica sera al Sant’Alphio Palace per l’attesa presentazione della neonata associazione d’iniziativa politica e sociale “Ora”, naturale evoluzione del movimento politico che ha sostenuto e sostiene con i propri rappresentanti in consiglio comunale l’esperienza amministrativa targata Saverio Bosco. La presentazione dell’associazione, che proprio domenica sera ha aperto le proprie porte al tesseramento, è stata ovviamente, come annunciato nei giorni scorsi, l’occasione per tracciare un bilancio sui primi 150 giorni di attività della nuova amministrazione comunale. Aperto da quello del coordinatore Marco Bongiovanni, l’incontro è proseguito con gli interventi del portavoce Carlo Arcidiacono e di alcuni presenti tra il pubblico che hanno plaudito all’esperienza del movimento e hanno incoraggiato l’amministrazione comunale a proseguire sul solco appena tracciato.

Processo “Uragano”, il Comune si costituisce parte civile. Tra gli interventi anche quello dell’assessore alla Legalità e alla Cittadinanza, Santi Terranova, che ha annunciato la costituzione di parte civile del Comune, già deliberata dall’esecutivo, nel processo appena iniziato contro gli indagati nell’ambito dell’operazione Uragano che lo scorso aprile portò al fermo di 17 persone, quasi tutte di Lentini, ritenute responsabili a vario titolo di associazione per delinquere, estorsioni, rapine e furti.

il sindaco di lentini saverio bosco

Saverio Bosco

Bosco: «Lentini ha voglia di normalità». Poi l’atteso intervento del primo cittadino che ha più volte fatto riferimento alla «voglia di normalità» della città e ha sottolineato come «il segreto di una politica seria, in grado di produrre risultati per il bene della comunità, sia quello di programmare e dire onestamente ciò che si può fare e fare finalmente ciò che si è detto di fare». Entusiasta del successo elettorale del movimento, oggi «la prima forza politica della città», Bosco ha ricordato come esso, contrariamente all’immaginario comune, non sia costituito di soli giovani, ma anche di adulti, nonni, professionisti, padri di famiglia «che hanno maturato la voglia di tornare a far politica». Bosco si è poi soffermato su alcune delle principali iniziative dell’amministrazione in questi primi 150 giorni di attività, l’avvio della raccolta differenziata, la riorganizzazione del personale e della struttura di massima dimensione dell’ente con la riduzione dei settori da 7 a 5, lo sblocco dei pagamenti nei confronti di imprese che aspettavano da anni e il cui ritardo rischiava di paralizzare servizi fondamentali come quello della depurazione delle acque, le tante iniziative culturali e la Notte Bianca.

Il bilancio. Accennando, infine, al piano triennale di riequilibrio del bilancio già approvato dalla giunta, sul quale il collegio dei revisori dei conti nominato dalla precedente amministrazione avrebbe deciso di non esprimere alcun parere, né positivo né negativo, facendo perdere tempo prezioso in ordine al tema del risanamento finanziario dell’ente, Bosco ha duramente stigmatizzato il comportamento di chi «pensa che la campagna elettorale non sia ancora finita».

Il direttivo dell’associazione. Intanto, l’associazione d’iniziativa politica e sociale inaugurerà a breve la sua sede sociale e operativa in via Garibaldi. Nei giorni scorsi, come si ricorderà, l’assemblea dei soci fondatori ha provveduto all’elezione delle cariche previste dallo statuto. Sono stati eletti Saverio Bosco alla carica di presidente e Marco Bongiovanni a quella di coordinatore. Sono stati eletti consiglieri Silvia Bosco, Giancarlo Manoli e Giuseppe Pollara. La carica di segretario è stata affidata ad Andrea Tribastone, quella di tesoriere a Ennio Buda e quella di portavoce a Carlo Arcidiacono.

© Riproduzione riservata

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com