breaking news

Lentini | Palazzo Scammacca e via Etnea, ecco i decreti di finanziamento

24 Luglio 2017 | by Silvio Breci
Lentini | Palazzo Scammacca e via Etnea, ecco i decreti di finanziamento
Politica
0

Conferenza stampa questa mattina in municipio per ufficializzare il “recupero” delle somme. I due interventi finanziati con le risorse della legge per la ricostruzione dei centri colpiti dal terremoto del 1990. Qualche spiraglio anche per il colle Tirone.

Decreti firmati. 1383 e 1384. Sono i numeri dei decreti, datati 20 luglio 2017, con i quali sono stati finalmente finanziati i lavori di ristrutturazione del palazzo municipale e di ammodernamento della via Etnea, la trafficatissima arteria che segna il confine tra Lentini e Carlentini. Lavori attesi da tempo i cui finanziamenti, previsti nell’ambito delle risorse della legge per la ricostruzione dei centri colpiti dal terremoto del 13 dicembre 1990, erano “spariti” negli anni scorsi nei meandri della burocrazia regionale tra disattenzioni e superficialità più o meno colpevoli.

Conferenza stampa in municipio. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa tenuta nel salone di rappresentanza di palazzo Scammacca, il sindaco Saverio Bosco e il deputato regionale di Alternativa popolare, Vincenzo Vinciullo, presidente della commissione Bilancio all’Ars, hanno ufficializzato, decreti alla mano, il “salvataggio” dei due finanziamenti per un totale di circa 4 milioni di euro: 2.139.000 euro (spalmati su quattro esercizi finanziari, dal 2017 al 2020) per il recupero e la conservazione del palazzo municipale, 1.960.000 euro (spalmati su tre esercizi finanziari, dal 2017 al 2019) per la realizzazione della via di fuga lato nord della città, ovvero per l’ammodernamento di via Etnea.

Bosco e Vinciullo. «I due finanziamenti – ha sottolineato il primo cittadino – sono il frutto dell’ottimo lavoro di squadra che in queste settimane ha impegnato l’amministrazione comunale lentinese e l’on. Vincenzo Vinciullo». Per il presidente della commissione Bilancio all’Ars una «bellissima pagina di collaborazione che prescinde dalle posizioni politiche di ciascuno». Nel corso della conferenza stampa, Bosco ha sottolineato lo straordinario valore delle due opere che rappresentano una importante boccata d’ossigeno per il territorio e non ha escluso che si possa riuscire a breve a recuperare anche il finanziamento per il colle Tirone, il cui iter risulterebbe più articolato.

© Riproduzione riservata

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com