breaking news

Lentini| Referendum costituzionale, M5s: «Respinto l’assalto alla sovranità popolare»

6 Dicembre 2016 | by Silvio Breci
Lentini| Referendum costituzionale, M5s: «Respinto l’assalto alla sovranità popolare»
Attualità
0

Per il responsabile di zona della Cgil ora si apra una stagione di riforme. A partire dalla riscrittura dello Statuto dei diritti universali del lavoro. 

Esulta il Movimento 5 Stelle. «I cittadini italiani hanno respinto l’assalto alla loro sovranità perpetrato da un gruppo di politici illegittimamente eletti con in testa il presidente del Consiglio, che subito dopo l’esito del voto ha rassegnato le dimissioni dalla carica impropriamente affidatagli». Lo sottolinea il meetup Amici di Beppe Grillo di Carlentini in una nota diffusa all’indomani del voto referendario che ha decretato la vittoria del No. «In questa battaglia – si legge – il Movimento 5 Stelle, nonostante le altre compagini politiche tendano a sminuirne l’operato, ha rivestito un ruolo di protagonista. I nostri portavoce hanno girato in lungo e in largo lo stivale e le isole per informare i cittadini su quali sarebbero state le conseguenze in caso di vittoria del Sì. Nel nostro territorio abbiamo iniziato l’azione informativa già dal mese di luglio e da allora abbiamo lavorato strenuamente per la vittoria del No. Non abbiamo lesinato le forze per la riuscita del progetto. La Sicilia ha risposto con un 71% di No e questo ci esalta. Ma ci esaltano ancora di più i risultati ottenuti a Lentini e Carlentini. Lentini con il 73,14%, Carlentini con il 69,65%. 7.833 cittadini di Lentini e 6.147 cittadini di Carlentini si sono espressi per la propria sovranità e per non fare passare la “schiforma“ proposta. Rimarremo sempre vigili – conclude la nota – affinché i prossimi tentativi di stravolgere la Costituzione falliscano».

il responsabile per la zona di lentini della cgilCgil, ora una stagione di riforme. Per la vittoria del No esprime la sua soddisfazione anche il responsabile della Cgil per la zona di Lentini, Paolo Censabella, che dice «grazie ai lavoratori e ai cittadini che, nell’accogliere l’indicazione di voto della Cgil, hanno contribuito alla vittoria del No». «Ci auguriamo adesso – afferma – che si riapra in tempi ravvicinati una vera e propria stagione di riforme che veda però i sindacati dei lavoratori, a partire dalla Cgil, protagonisti, per cominciare a riscrivere, ad esempio, il nuovo “Statuto dei diritti universali del lavoro”, per cui sono state depositate in Parlamento oltre 3 milioni di firme di lavoratori, lavoratrici e pensionati, con al centro il tema del lavoro produttivo e di qualità sopratutto per i nostri giovani. Per fare questo e puntare a una società ove le libertà, a cominciare da quella sindacale, l’equità e la giustizia sociale siano garantite a tutti – conclude Censabella – urge come non mai la ricomposizione di una solida e unitaria sinistra politica».

© Riproduzione riservata

musicafestival_650x50_def

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com