breaking news

Lentini | Rianimazione, Asp: «Ormai prossima l’apertura»

1 Marzo 2018 | by Silvio Breci
Lentini | Rianimazione, Asp: «Ormai prossima l’apertura»
Sanità
0

Annunciata in questa fase l’attivazione di quattro posti letto rispetto ai sei previsti. Quattro posti anche nella rianimazione dell’ospedale di Avola. Già ultimato il reclutamento del personale medico anestesista. Procedure di stabilizzazione e mobilità per quello infermieristico e di supporto.

Reparti rianimazione Lentini e Avola, via libera di Razza. I reparti di rianimazione degli ospedali di Lentini e Avola potranno essere presto attivati grazie all’autorizzazione dell’Assessorato regionale della Salute. «Siamo particolarmente grati all’assessore Ruggero Razza – dichiara il commissario dell’Asp di Siracusa, Salvatore Brugaletta, insieme ai direttori sanitario e amministrativo Anselmo Madeddu e Giuseppe Di Bella – per l’attenzione che ha mostrato nei confronti di questo territorio attraverso l’autorizzazione all’apertura dei due reparti da tempo attesi dalla popolazione. Un ringraziamento va rivolto anche alle istituzioni locali che da anni si battono al nostro fianco per il raggiungimento di questo traguardo. Contiamo di dare l’avvio ai due reparti di rianimazioni nei tempi più rapidi, compatibilmente con gli adempimenti burocratici e amministrativi, considerato che sono già a buon punto le procedure di reclutamento del personale, mentre sono state completate quelle relative alla logistica e alle attrezzature».

Saranno in funzione quattro posti. In atto nell’Asp di Siracusa sono attivi soltanto otto posti letto di terapia intensiva generale, tutti nel presidio ospedaliero del capoluogo, a fronte di un fabbisogno che, rapportato alla popolazione dell’intera provincia, ammonterebbe a 22 posti letto. «L’attivazione di un primo step di quattro posti letto di rianimazione in ognuno dei due presidi ospedalieri – aggiunge il direttore sanitario Anselmo Madeddu – così come richiesto all’Assessorato, consentirà di tendere all’auspicato riequilibrio territoriale, potenziando peraltro la zona nord e la zona sud della provincia di Siracusa col preciso obiettivo di migliorare i livelli assistenziali, di ridurre il rischio clinico e di favorire un importante recupero della mobilità sanitaria».

Il reclutamento del personale medico e infermieristico. A oggi l’Asp di Siracusa ha completato il reclutamento del personale medico anestesista e sta ultimando le procedure relative all’acquisizione del personale infermieristico e di supporto ricorrendo alle procedure di stabilizzazione e a quelle di mobilità secondo il quadro normativo vigente. «Sarà possibile così – conclude il commissario Salvatore Brugaletta – aggiungere un ulteriore tassello al progetto di riallineamento della sanità siracusana ai migliori standard assistenziali regionali, colmando i gap del passato e gettando le basi per il progetto di sanità futura di questa provincia».

Apertura attesa da sei anni. Atteso da sei anni, per il reparto di rianimazione di Lentini sono previsti in realtà 6 posti letto e una pianta organica di 9 medici e 18 infermieri. L’apertura della rianimazione porrà fine alla battaglia, lunga e difficile, che in questi anni ha visto in prima fila sindacati, forze sociali e politiche e istituzioni locali. Tutti uniti dalla consapevolezza che solo dall’apertura del reparto di rianimazione passasse il consolidamento dell’offerta sanitaria pubblica nel Lentinese e la valorizzazione di una delle strutture ospedaliere più grandi e moderne della Sicilia, la cui funzione avrebbe altrimenti rischiato di essere snaturata. Senza la rianimazione – come hanno più volte sottolineato in questi anni i sindacati – l’ospedale di Lentini avrebbe rischiato di rimanere zoppo, una struttura incapace di dare risposte adeguate a un territorio ampio e articolato che ha inevitabili addentellati con alcuni vicini centri della provincia etnea. Sarebbe venuta meno, in altre parole, la funzione per la quale il grande presidio ospedaliero lentinese fu progettato e costruito dopo decenni di battaglie, prima per il suo completamento e poi per la sua apertura nel novembre del 2011.

Raiti: «Traguardo figlio delle battaglie del Comitato unitario intercomunale». «A quanti in questi giorni si stanno assegnando il risultato dell’apertura della rianimazione a Lentini – ha scritto oggi in un post sul suo profilo social l’ex sindaco Salvatore Raiti – mi permetto di ricordare che il reparto è figlio delle tante iniziative, lotte, assemblee, petizioni popolari, incontri con gli assessori Borsellino e Gucciardi, portate avanti dal comitato unitario intercomunale coordinato da Paolo Censabella e dalla Camera del Lavoro di Lentini».

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com