breaking news

Lentini| Ricordato Luigi Briganti nel decennale della scomparsa

16 Aprile 2016 | by Silvio Breci
Lentini| Ricordato Luigi Briganti nel decennale della scomparsa
Attualità
'
0
Fu medaglia d’oro al valor militare della Resistenza. Cerimonia questa mattina nell’aula consiliare, presenti la moglie e i figli. La sua figura tratteggiata dal prof. Giuseppe Adernò. Consegnata la bandiera alla neonata sezione lentinese dell’Associazione nazionale carabinieri in congedo.

La esemplare e luminosa figura del lentinese Luigi Briganti, medaglia d’oro al valor militare della Resistenza, è stata ricordata questa mattina nel decennale della sua scomparsa. Organizzata dalla sezione lentinese dell’Istituto del Nastro Azzurro fra combattenti decorati al valor militare – sezione presieduta da Ivan Grancagnolo, fondata dallo stesso Briganti e oggi a lui intitolata – la celebrazione si è svolta nell’aula consiliare di via Galliano, presenti tutti i vertici locali delle forze dell’ordine. Dopo gli interventi introduttivi del sindaco Alfio Mangiameli e del presidente provinciale dell’Istituto del Nastro Azzurro, Francesco Maria Atanasio, che si è brevemente soffermato sulle ammirevoli testimonianze di dedizione al dovere e amore per la Patria di alcuni tra i sette decorati di medaglia d’oro della provincia di Siracusa, ha preso la parola il prof. Giuseppe Adernò, storico e biografo di Briganti, autore negli anni scorsi del libro “Fortunello va a morire cantando la libertà”. Adernò ha ricordato il prezioso contributo offerto dal partigiano Fortunello, a rischio della propria vita, alla guerra di liberazione dal nazifascismo dal 1943 al 1945.

[embed_video id=78910]

Particolarmente toccante la testimonianza della figlia Gabriella Briganti, che ha tratteggiato con commozione la figura del padre come uomo, marito e genitore esemplare, onesto e coerentemente fedele ai propri valori e ai propri ideali, sempre attento e sensibile ai bisogni del prossimo e dei poveri in modo speciale, sempre allegro e cordiale con tutti. Al ricordo di Briganti si sono uniti anche il presidente del Kiwanis di Lentini Angelo Ferraro, il presidente dell’Associazione combattenti e reduci di Carlentini Alfio Caltabiano e il presidente nazionale dell’Istituto del Nastro Azzurro Carlo Maria Magnani che ha inviato una lettera agli organizzatori. Al termine della manifestazione – organizzata con il patrocinio dell’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon e dell’Associazione combattenti e reduci – è stata consegnata la bandiera alla neonata sezione di Lentini dell’Associazione nazionale carabinieri in congedo presieduta da Andrea Chiarenza. A rappresentare l’associazione il coordinatore provinciale Domenico Arato. Madrina della cerimonia la signora Francesca Policastro Briganti, consorte del compianto illustre cittadino lentinese. A coordinare la cerimonia sono stati Luca Fazzino e Pierangela Cannone. Nato a Lentini il 24 aprile del 1924, figlio di un agricoltore e di un’artigiana, Luigi Briganti fu chiamato alle armi nel 1943, ad Ivrea, e dopo l’armistizio si unì alle formazioni partigiane in Piemonte. “Fortunello”, questo il suo nome di battaglia, si unì alla banda del comandante Rino Giuseppe Rigola. Nel 1944 fu fatto prigioniero dai tedeschi nei pressi di Casale Monferrato, e nonostante le torture si rifiutò di rivelare notizie sui suoi compagni e fu condannato a morte. Liberato dai suoi compagni, tornò a operare nell’alto Monferrato e compì diverse azioni nei dintorni di Torino, Vercelli e Ivrea. Nel 1945, per salvare un ufficiale della decima Mas, gli cedette il suo nascondiglio e si consegnò ai militi della Repubblica Sociale Italiana. Nuovamente torturato, non rivelò mai alcuna informazione. Fu liberato solo grazie a uno scambio con alcuni ufficiali tedeschi catturati dai partigiani. Tornato in Sicilia e laureatosi in medicina, esercitò la funzione di ufficiale sanitario. Nel 1959 fu insignito della medaglia d’oro al valor militare. “Fortunello” si spense il 5 aprile 2006.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com