breaking news

Lentini | Testamenti biologici o di fine vita, istituito il registro in Comune

22 Novembre 2019 | by Silvio Breci
Lentini | Testamenti biologici o di fine vita, istituito il registro in Comune
Attualità
'
0

Per l’assessore alle Pari Opportunità, Rita Brancato, «una conquista di civiltà». Il registro previsto da una legge del 2017.

Il registro. L’amministrazione comunale vota l’istituzione e la tenuta del registro dei testamenti biologici, strumento previsto da una legge del dicembre 2017 che istituisce e disciplina appunto la possibilità per i cittadini di depositare negli uffici dello Stato civile dei Comuni di residenza la cosiddetta Dat, ovvero la disposizione anticipata di trattamento, detta anche testamento biologico o di fine vita. Si tratta di un documento contenente una manifestazione di volontà, sottoscritto dalla persona che indica i trattamenti medici cui essere o non essere sottoposta in caso di malattie o traumatismi cerebrali che determinano una incapacità di autodeterminarsi.

L’assessore Brancato. Per l’assessore alle Pari Opportunità, Rita Brancato, si tratta di «uno strumento di straordinario valore messo a disposizione della comunità, una conquista di civiltà». Il registro, nell’attesa dell’approvazione di un regolamento comunale che disciplini l’intera materia, consente di fatto l’iscrizione nominativa di tutti i cittadini che hanno redatto la disposizione anticipata di trattamento, qualora questa non sia stata depositata presso notai o in altre strutture previste dalla legge.

© Riproduzione riservata

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *