breaking news

Lentini| Una commissione d’inchiesta per il Centro comunale di raccolta

9 Settembre 2016 | by Silvio Breci
Lentini| Una commissione d’inchiesta per il Centro comunale di raccolta
Attualità
0
L’ha proposta il sindaco Saverio Bosco nel corso dell’ultima seduta di consiglio comunale, per chiarire come sono stati spesi i soldi per la sua costruzione.
????????????????????????????????????

Saverio Bosco

Una commissione d’inchiesta presieduta da un consigliere comunale di minoranza per fare luce su come sono stati spesi i soldi per la realizzazione del Centro comunale di raccolta, area attrezzata per il conferimento di rifiuti differenziati. L’ha proposta lo stesso primo cittadino nel corso dell’ultima seduta di consiglio comunale, richiamandosi a un recente sopralluogo che l’avrebbe lasciato esterrefatto di fronte alle condizioni in cui versa l’area, non ancora entrata in funzione. Bosco ha parlato di “scempio” e di “situazione intollerabile” sulla quale occorre fare chiarezza al più presto. Il tema dei rifiuti – raccolta differenziata, Centro comunale di raccolta, nuova impresa, Tari – ha ovviamente assorbito gran parte del tempo che all’inizio di ogni seduta viene riservato alle cosiddette comunicazioni dei consiglieri, prima della trattazione degli argomenti posti all’ordine del giorno dei lavori.

È stata la rappresentante del Movimento 5 Stelle, Maria Cunsolo, a sollevare il «problema atavico della bollettazione di acqua e rifiuti», parlando di vero e proprio caos e di valanghe di bollette piovute sulle famiglie lentinesi nello stesso periodo. «Un problema – ha detto nel suo intervento in aula – trattato superficialmente da questa nuova amministrazione, che si sta limitando a svolgere il compito di “esattrice delle tasse”, senza considerare le condizioni economiche disastrose in cui versa la città». Il Movimento 5 Stelle ha chiesto la verifica e la rimodulazione delle bollette, in modo da permettere a tutti i cittadini di adempiere correttamente e serenamente al pagamento dei tributi.

300x250 2loop 4k VideoRevolution progressivoPer quanto riguarda i ruoli idrici, Bosco ha ricordato che per correggere le incongruenze riscontrate in numerose utenze l’amministrazione comunale ha immediatamente provveduto nei giorni scorsi a rafforzare il personale all’interno dell’ufficio idrico, che è a completa disposizione della cittadinanza per qualsiasi segnalazione o delucidazione relativa alle fatture del 2015.

Poi la questione Tari. «Se è così alta – ha ancora una volta ribadito Bosco – lo è perché la legge ci impone di coprire interamente con le tasse il costo del servizio, che è di poco più di 3 milioni e 700 mila euro. E perché il Comune non aveva mai fatto partire la differenziata. Solo potenziando la raccolta differenziata – ha proseguito – potremo ridurre i costi del conferimento in discarica e quindi anche la Tari». I dati forniti dalla Ecomac Smaltimenti, società alla quale vengono conferiti i rifiuti differenziati, sono incoraggianti. Li ha riferiti orgoglioso Bosco. In un report relativo al mese di agosto, parlando di Lentini, la Ecomac scrive: «Sono evidenti e tangibili gli sforzi dell’amministrazione che in una sola settimana, dal 24 al 31, ha conferito circa 16 tonnellate di rifiuti riciclabili».

© Riproduzione riservata

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com