breaking news

Lentini | Vertenza ospedale, attesa a giorni una seduta congiunta dei tre consigli comunali

14 Gennaio 2022 | by Silvio Breci
Lentini | Vertenza ospedale, attesa a giorni una seduta congiunta dei tre consigli comunali
Sanità
'
0

Entra nel vivo la battaglia contro il temuto depotenziamento del presidio ospedaliero inaugurato dieci anni fa. Le criticità: personale medico e infermieristico ridotto al lumicino, pronto soccorso in affanno da tempo, chiuso il reparto di medicina per aumentare l’assistenza ai malati Covid.

I consigli comunali si mobilitano. È attesa a giorni la convocazione di una seduta congiunta dei consigli comunali di Lentini, Carlentini e Francofonte, mobilitati contro il depotenziamento dell’ospedale a causa del Covid. Proprio oggi il deputato regionale della Lega, Giovanni Cafeo, ha denunciato il sovraffollamento di pazienti affetti da Covid 19 che sta di fatto sottraendo spazi e risorse agli altri pazienti che necessitano di cure e di assistenza. Per il parlamentare regionale della Lega il territorio siracusano sta già pagando un prezzo alto, tenuto conto che a Lentini il reparto di medicina è stato tagliato, mentre è stata ridimensionata chirurgia ad Avola. E poi c’è anche la situazione dei malati oncologici.

La proposta di Cafeo. Per Cafeo è «indispensabile avere strutture sanitarie dedicate ai pazienti Covid 19 e nel Siracusano la soluzione c’è». «Esistono strutture sanitarie private attrezzate nel nostro territorio – dice – che permetterebbero di alleggerire la pressione su tutta la rete ospedaliera siracusana».

La richiesta dei capigruppo. La convocazione urgente di una seduta congiunta, alla presenza dei sindaci Rosario Lo Faro, Giuseppe Stefio e Daniele Lentini, era stata chiesta nei giorni scorsi dai quattro capigruppo di maggioranza Ciro Greco (Lentini Operosa), Adelfio Tocco (Francesca Reale Sindaco), Maria Grazia Culici (Patto civico per Lentini) e Agata Magnano (Movimento 5 stelle). Nella nota, inviata alla presidente del consiglio comunale lentinese, Silvana Bosco Santocono, richiamavano l’attenzione sulla gravissima condizione di emergenza nella quale si trova da settimane l’ospedale di Lentini, tra «chiusura di reparti, riduzione di posti letto, difficoltà di turnazione al pronto soccorso e ridimensionamento di personale».

«Pericolo incombente di smantellamento». Nel corso della seduta congiunta dei tre consigli comunali, di fronte a quello che in tanti giudicano come un «pericolo incombente di smantellamento dell’ospedale», dovranno essere definite le iniziative da intraprendere nei confronti delle istituzioni regionali e delle autorità sanitarie. «Il nostro territorio – sottolinea Ciro Greco – non può accettare in maniera inerme questa situazione. La costruzione prima e l’apertura poi, dieci anni fa, del nuovo presidio ospedaliero hanno rappresentato una importantissima conquista per le comunità del nostro comprensorio. Ora l’ospedale va difeso con forza e determinazione».

Numerosi i segnali di allarme. Più d’uno gli episodi che indicano il “respiro corto” dell’ospedale. Personale medico e infermieristico ridotto al lumicino. Pronto soccorso in affanno da tempo. Chiuso il reparto di medicina per aumentare l’assistenza ai malati Covid. E poi i fatti di cronaca. Che sono anche la cartina al tornasole di difficoltà ormai evidenti. Nei giorni scorsi un 41enne in preda all’ira ha danneggiato una vetrata della sala d’aspetto del pronto soccorso perché riteneva che i sanitari non stessero prestando le cure adeguate alla moglie. Recente la notizia del decesso – definito dai familiari «inspiegabile» – di un 88enne di Sortino che sarebbe rimasto per un giorno e mezzo su una lettiga del pronto soccorso, dov’era giunto nel pomeriggio dell’1 gennaio per una frattura al femore. Le criticità che affaticano diversi reparti e che allarmano la popolazione, lo scorso 31 dicembre avevano spinto i rappresentanti delle tre amministrazioni comunali a esprimere sì «solidarietà al personale medico e paramedico per lo straordinario impegno profuso per fronteggiare l’emergenza sanitaria», senza tuttavia rinunciare a manifestare «preoccupazione per il futuro della struttura».

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com