breaking news

MAGGIORANZA CONFUSA NELLE GIUNTE

15 Ottobre 2010 | by Redazione Webmarte
MAGGIORANZA CONFUSA NELLE GIUNTE
Politica
0

Si dovrà fare chiarezza e a breve all’interno del Centrodestra siracusano dopo le novità che hanno riguardato da una parte gli ex Udc di Pippo Gianni, adesso “Popolari Italia Domani” e dall’altra gli ex “Pdl Sicilia” che sono ora esponenti di “Forza del Sud” e che fanno riferimento in Sicilia a Gianfranco Miccichè e in provincia in primo luogo all’ex assessore regionale, Titti Bufardeci. La matassa da dipanare è tra le più “nodose”. Il “Pid”, che con “Forza del Sud” ha stretto un patto di ferro, ha chiesto l’estromissione dalle giunte della Provincia e del Comune del Mpa e di “Futuro e libertà”, considerati “traditori” per via del nuovo governo regionale composto a Palermo. I lombardiani e i finiani fanno spalluccia e non ritengono che la loro cacciata dagli esecutivi possa essere considerata un gesto corretto. Nessun chiarimento ufficiale ha ancora avuto luogo. Solo “botta e risposta” sulla stampa. Ma in questo quadro, al Comune, c’è un altro fattore che complica ulteriormente la situazione. Il cosiddetto “Pdl” dei lealisti, rappresentato da Vincenzo Vinciullo, è attualmente fuori dalla giunta. C’è invece “Forza del Sud”, anche se il sindaco non si sarebbe ufficialmente schierato. “Adesso chiediamo che si esca allo scoperto  – spiega Vinciullo – e che tutti dichiarino il partito o il movimento a cui fanno riferimento, anche perché il “Pdl Sicilia” in realtà non è mai esistito, tanto che Silvio Berlusconi non ha concesso il nome. Il “Pdl” è uno solo e a Palermo, se si ha un’altra denominazione, vuol dire che si è scelta la separazione dalla forza politica del presidente del consiglio”. Anche Vinciullo è d’accordo con la “cacciata” dei finiani dalle giunte, ma questo, per lui, è un passaggio che deve precedere il chiarimento successivo con il “Pdl”, che a palazzo Vermexio è all’opposizione, ma alla Provincia è in maggioranza. Una confusione che l’atmosfera da piena campagna elettorale per certi versi esaspera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com