breaking news

MALTEMPO: IL COMUNE DI SIRACUSA CHIEDE LO STATO DI CALAMITA’ NATURALE

MALTEMPO: IL COMUNE DI SIRACUSA CHIEDE LO STATO DI CALAMITA’ NATURALE
Attualità
0

Il Comune ha chiesto il riconoscimento dello stato di calamità naturale per il maltempo dello scorso fine settimana. La richiesta è stata formalizzata stamattina, con la firma da parte del sindaco, Roberto Visentin, e del dirigente della Protezione civile, Giovanni Monterosso, e l’invio dell’istanza alle autorità competenti: la Presidenza del consiglio dei ministro, la Regione siciliana, i dipartimenti nazionale e regionale di protezione civile, la Prefettura di Siracusa e la Sala operativa regionale integrata siciliana (Soris) che coordina le attività di emergenza.
 In attesa della quantificazione definitiva dei danni, nella richiesta si fa riferimento all’allagamento dei fondi agricoli con conseguente perdita delle produzioni; ai danni alla marineria, ai capannoni per le attività economiche, alla chiesa del Pantheon, agli edifici del centro storico e ad alcune abitazioni private; alla caduta di alberi che ha causato l’interruzione di strade e dell’erogazione dell’energia elettrica; ai disagi per i nuclei familiari rimasti isolati e, sopratutto, per quelle persone più bisognose di assistenza e di cure sanitarie; alle strade danneggiate dagli allagamenti che sono state chiuse al traffico e dove è stato necessario intervenire per trarre in salvo automobilisti bloccati (come nel caso di Fontane Bianche); ai danni provocati nei pressi della Statale 124 per l’esondazione dell’Anapo e dei torrenti.
 “Invece di fare scontati, quanto vuoti, annunci di richiesta di stato di emergenza mentre il maltempo imperversava – ha detto il sindaco, Roberto Visentin – abbiamo deciso di attendere che la situazione si stabilizzasse per avere un quadro completo della situazione e per presentare alle autorità un’istanza fondata. Questo lavoro di ricognizione è stata fatto ieri e oggi, tempestivamente, la richiesta è stata firmata ed è stata inviata. Non sarebbe stato logico, d’altra parte, distogliere uomini della Protezione civile durante l’allerta meteo per andare a fotografare una situazione in continuo divenire”.

Già dalla mattina di sabato scorso, la Protezione civile aveva attivato il Centro operativo comunale, la sala operativa, le funzioni di supporto, la polizia municipale e le associazioni di volontariato. Il Coc ha coordinato gli interventi, monitorando i punti critici, chiudendo le strade allagate o interrotte dagli alberi caduti. Impegnativo è stato il lavoro nella zona di Tivoli, dove ha operato l’Associazione volontari città di Siracusa, per soccorrere alcune famiglie isolate. Lì dove gli alberi, cadendo, hanno trascinato anche i cavi dell’energia elettrica, gli interventi sono stati più lenti perché era necessario attendere l’arrivo delle squadre dell’Enel per mettere la zona in sicurezza.
Ad oggi non ci sono più strade comunali interrotte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com