breaking news

MARZIANO SUL DECRETO LIBERALIZZAZIONI NEL SETTORE AGROALIMENTARE

28 Febbraio 2012 | by Redazione Webmarte
MARZIANO SUL DECRETO LIBERALIZZAZIONI NEL SETTORE AGROALIMENTARE
Politica
0

“Il pacchetto Agroalimentare contenuto nel decreto del Governo Nazionale per la concorrenza, lo sviluppo e la competitività presenta importanti novità e va valutato positivamente nel complesso. Attenzione però a quella norma del decreto Salva Italia che aumenta l’Imu sui fabbricati rurali che così come formulato, può avere conseguenze pesanti sulla tenuta economica delle imprese agricole siciliane. Per questo il Governo regionale prima delle scadenze di riscossione previste per il prossimo mese di giugno, deve intervenire presso il Governo nazionale e presso la delegazione dei parlamentari siciliani per una profonda revisione della norma che introduce l’IMU sui fabbricati rurali”. Lo ha detto il deputato regionale del Partito Democratico Bruno Marziano che ha presentato un ordine del giorno che andrà in votazione in aula presto. “Bisogna prestare la massima attenzione a questa norma che in un periodo di profonda crisi può pregiudicare il valore degli altri provvedimenti assunti con il decreto  per la concorrenza, lo sviluppo e la competitività. Decreto che infatti presenta alcuni elementi assolutamente apprezzabili – ha detto Marziano – come l’obbligo della forma scritta per i contratti che abbiano ad oggetto la cessione di beni agricoli ed alimentari, il divieto di comportamenti sleali nei rapporti di filiera e la fissazione del termine di pagamento a 60 giorni per le cessioni di prodotti alimentari non deteriorabili, ridotto a 30 giorni per le transazioni di prodotti alimentari deperibili. L’efficacia di questi interventi è assicurata dall’applicazione di sanzioni amministrative fino ad un massimo di 500.000 euro. Norme che considerate le condizioni di crisi economica ed i suoi rilessi in termini di calo dei consumi introduce elementi di trasparenza ed efficienza nei rapporti di filiera, elimina comportamenti scorretti e speculativi, tutela maggiormente gli agricoltori e mitiga gli abusi di posizione dominante da parte della grande distribuzione organizzata. Bene anche il rilancio degli investimenti nel settore agroalimentare attraverso i contratti di filiera promossi dal Mipaaf di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico, attivando 250/300 milioni di euro nei prossimi tre anni. Come l’istituzione del “Fondo credito” per agevolare le imprese ad accedere a finanziamenti bancari, per contrastare la carenza di liquidità e consentire la realizzazione di investimenti cofinanziati da risorse comunitarie, in particolare del Psr”. Bruno Marziano ha infine valutato positivamente anche la norma che vieta l’accesso al sistema degli incentivi statali per gli impianti fotovoltaici con moduli collocati sui terreni agricoli, facendo salve le autorizzazioni in corso ed innalzando al contempo gli incentivi per gli impianti costruiti sulle serre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com