breaking news

MARZIANO: “UN INCONTRO PER CHIARIRE LE ATTIVITA’ SVOLTE NELL’OSPEDALE DI NOTO”

MARZIANO: “UN INCONTRO PER CHIARIRE LE ATTIVITA’ SVOLTE NELL’OSPEDALE DI NOTO”
Sanità
0

“Convocare subito un incontro da tenersi al Comune di Noto con la conferenza dei sindaci per confermare la veridicità delle notizie di stampa sul protocollo tra Regione e titolari delle tre cliniche privare operanti a Siracusa e in particolare sui contenuti del documento”. E’ ciò che ha chiesto il deputato regionale del Partito Democratico Bruno Marziano che ha accolto con favore le indiscrezioni pubblicate, perché indiscrezioni con la cautela del caso. “Secondo le notizie riportate – ha detto Marziano – Noto ospiterebbe tutte le attività che si svolgono attualmente nelle tre cliniche private e quindi ospiterebbe reparti di assoluta eccellenza in una forte integrazione con la parte di sanità pubblica presente nello stesso presidio di Noto e in quello di Avola. Questo può rappresentare un elemento di svolta verso il processo di rifunzionalizzazione dell’intero sistema sanitario della zona sud, al quale hanno contributo certamente il rispetto impegni assunti dai responsabili istituzionali, Presidente della regione in primo luogo, ma penso di potere dire che hanno contributo anche la spinta popolare e le azioni messe in campo perché questi impegni fossero rispettati. Ma le sole notizie giornalistiche, ripeto, non possono bastare a fornire un giudizio positivo, occorre un incontro con i rappresentanti istituzioni e le rappresentanze politiche nel corso del quale il dirigente regionale Asp e l’assessorato alla Sanità illustrino ufficialmente, carte alla mano, i contenuti protocollo. La tempistica, le modalità di attuazione strumenti, apparecchiature e servizi forniti dal Pta e dai reparti ospedalieri che verrebbero ospitati dalle strutture private. Se le notizie di stampa venissero confermate e i contenuti fossero quelli di cui si parla con la presenza di reparti di sanità di eccellenza si aprirebbe una pagina nuova nella qualità del servizio sanitario dell’intera zona sud a vantaggio dell’intera popolazione di oltre 100 mila abitanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com