breaking news

MEDICO-PAZIENTE-CONVEGNO SU BIOETICA

MEDICO-PAZIENTE-CONVEGNO SU BIOETICA
Attualità
0

Fornire risposte alle tante problematiche etiche che i nostri tempi ci pongono. E’ l’obiettivo del I Convegno Internazionale di Bioetica, organizzato dalla Diocesi di Noto  ed inserito nel Programma Nazionale per la Formazione degli operatori della sanità E.C.M.  Sono già aperte le iscrizioni per prendere parte all’iniziativa, che si terrà a Noto dal 10 all’11 settembre 2010, a Palazzo Trigona. Il convegno, dal tema Senso umano e bioetica clinica: pensare la sofferenza nella dimensione della complessità, vedrà la partecipazione di illustri esperti in materia. La bioetica va sempre più assumendo una posizione rilevante nell’ambito della discussione teorica oltre che della prassi sociale contemporanea. La cronaca quotidiana propone, a ritmo incalzante, nuove vicende che richiamano l’attenzione pubblica su problemi inediti: problematiche che hanno a che vedere con la vita e la salute del singolo e della collettività con particolare riferimento al rapporto medico – paziente. “Il convegno internazionale di Bioetica, ha spiegato il Vescovo di Noto Mons. Antonio Staglianò, vuole diventare un appuntamento fisso nel programma di formazione e di riflessione sui temi attuali che la nostra diocesi ogni anno porta  avanti. Lo smarrimento culturale e la tendenza alla frammentazione, ha ancora aggiunto Mons. Staglianò,  esigono una coscienza intersoggettiva capace di riunire in un significato unitario la grande quantità di conoscenze disponibili, e di recuperare  in uno sguardo sinottico le diverse dimensioni della persona umana nonché  di richiamare tutti alla responsabilità. La finalità del Convegno è proprio quella di aiutarci a rivisitare il luogo stesso delle nostre responsabilità con la consapevolezza del fatto che il riconoscimento della dignità, soprattutto nelle condizioni di vulnerabilità e di fragilità, non può mai dirsi totalmente acquisito in modo preciso, se non come un’esigenza, e nello stesso tempo, come un fine che non si presenta mai come un punto di arrivo, ma come un orizzonte sempre aperto”. Il convegno è strutturato in quattro sessioni (L’attesa e la nascita – Custodire e comunicare l’amore – L’amore per l’altro e il futuro delle cose – Quando il dolore rende muti)  che  rispondono all’esigenza di  una riflessione sui grandi temi dell’esistenza  per un approfondimento dei  fondamenti scientifici delle relative questioni e le possibili valutazioni bioetiche, necessarie per una chiara comprensione delle attuali sfide in ambito biomedico e politico. Il convegno  è aperto a tutti e la partecipazione è gratuita. Si rivolge in particolare ai medici, agli infermieri, ai giuristi, agli insegnanti, agli educatori. I medici e gli infermieri che parteciperanno al convegno potranno acquisire crediti E.C.M. (pri)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com